Come funziona realmente il sesto senso?

Ci sono così tante storie e teorie sul sesto senso, ma principalmente bisogna ricordare che si tratta non di un senso “fisico” come l’olfatto, l’udito ecc. ma di un senso “spirituale”.

Gli scienziati ritengono che la nostra connessione con i piani fisici e materiali abbia determinato lo sviluppo dei cinque sensi, mentre il sesto senso ha subito un’involuzione, a causa del fatto che da qualche parte lungo la strada abbiamo smesso di usarlo o semplicemente non ne abbiamo più bisogno.

Il sesto senso è un concetto molto complesso che coinvolge telepatia, comunicazione a distanza, visioni del passato, premonizioni del futuro, ecc. Può anche comportare un’esacerbazione degli altri sensi.

Ad esempio, il sesto senso può essere identificato con la capacità di vedere l’aura, di percepire l’energia, di sentire i pensieri di altre persone o di sentire l’energia positiva o negativa ecc.. Può anche implicare la capacità di volare attraverso viaggi astrali, teletrasporto o bi-locazione.

Come funziona il sesto senso?

Il sesto senso lavora a distanza usando il potere del pensiero. Telepatia, sogni, visioni, premonizioni, sono tutti collegati al sesto senso. Fisicamente impercettibili, queste visioni erano considerate reali da persone fortemente collegate tra loro a livello mentale.

Un pensiero telepatico, una rivelazione o una premonizione sono stati presi molto sul serio in altre occasioni e considerati reali come il mondo fisico.

Non c’è modo di imbrogliare e di ricevere il dono del sesto senso se non lo meritiamo. Non è a livello fisico, ma a livello spirituale. Potremmo essere in grado di imbrogliare e mentire fisicamente, ma il nostro spirito e pensieri riveleranno sempre la verità alla coscienza onnisciente.

Il mondo invisibile è ovunque intorno a noi, ma non possiamo percepirlo. Ma anche se non riusciamo a percepirlo, i piani sottili stanno influenzando la nostra vita in larga misura. Per sintonizzarci nel mondo invisibile abbiamo bisogno di un’antenna, in altre parole di riuscire a risvegliare il nostro sesto senso. Possiamo raggiungerlo con la pratica spirituale regolare, la preghiera e la meditazione.

Funziona come un’antenna TV che, se è spenta, tutto ciò che otteniamo sullo schermo è assenza di segnale.

Allo stesso modo, il mondo invisibile e la presenza di Dio sono ovunque intorno a noi, ma non lo percepiamo fino a quando non iniziamo a camminare sul sentiero spirituale che a sua volta accende il nostro sesto senso.

Sesto senso e tecnologia

Se guardi alla tecnologia di oggi, ti renderai presto conto che tutto ciò che abbiamo ora come tecnologia ha un corrispondente al sesto livello di senso.

Ad esempio, la telepatia e la comunicazione a distanza sono considerate una manifestazione del sesto senso. Oggi non è necessario questo tipo di abilità, dato che abbiamo i nostri telefoni cellulari e componendo un numero e premendo il pulsante “Chiama” la necessità della comunicazione a distanza è già risolta.

Se vogliamo pensare ai nostri ricordi e riattivarli nella nostra mente, potremmo invece dare un’occhiata ad alcune vecchie foto di determinati periodi e usarle come supporto per i nostri ricordi. Non c’è bisogno di riattivare il nostro sesto senso responsabile dei ricordi.

Se vogliamo volare possiamo prendere l’aereo, non c’è bisogno di forzarci a sognare questo e fare un viaggio astrale.

E così via … Tuttavia, il punto è che, finché continuiamo a creare conforto intorno a noi, ciò potrebbe portare all’involuzione di alcune funzioni, storiche, di adattamento.

Più “proteggiamo” noi stessi, più diventiamo vulnerabili. Più ci circondiamo di conforto, meno usiamo i nostri sensi.

Loading...
Potrebbero interessarti

Adesso gli Stati Uniti hanno il 20 per cento dei contagiati nel mondo

I casi di coronavirus negli Stati Uniti ora rappresentano oltre il 20…

Terrorismo, fermati e poi rilasciati cinque sospetti a Bruxelles

Continuano le indagini per i colpevoli del tragico attentato di Parigi dello…