Come mai i placebo funzionano?

Redazione

Il placebo funziona e molto probabilmente almeno una volta nella vita ha funzionato anche con noi.

Gli esperti hanno spiegato perché tali farmaci aiutano le persone. Uno studio recente ha scoperto che il falso effetto placebo ha un effetto reale sul tronco cerebrale.

Come si sa, è il tronco cerebrale che è il centro dell’elaborazione del dolore. Gli esperti osservano che questo studio aiuterà a sviluppare nuovi metodi efficaci per affrontare la sindrome del dolore cronico.

I ricercatori conoscono l’effetto placebo da oltre quattrocento anni. Nel corso degli anni, gli scienziati hanno cercato di capire come i falsi farmaci possono aiutare alcune persone a sentirsi meglio e a sentirsi meglio.

Come mai i placebo funzionano

Inoltre, gli scienziati sono interessati al fenomeno dell’effetto opposto del placebo. Alcuni pazienti iniziano a sentirsi male dopo aver assunto il farmaco se gli viene detto quale sarà l’effetto. Questa azione si chiama “nocebo“.

Lo studio di questi effetti ha coinvolto 13 maschi e 14 femmine. L’età media dei volontari era di 23 anni.

I volontari sono stati posti sulle mani di dispositivi che, una volta riscaldati, hanno causato un dolore moderato. Quindi ai soggetti è stato detto che il sito della lesione sarebbe stato lubrificato con una delle 3 creme: anestetica, analgesica e controllo, che non ha avuto effetto.

Tuttavia, in realtà, tutti gli unguenti erano vasellina.

Inoltre, durante lo studio, gli scienziati hanno monitorato l’attività cerebrale dei volontari al fine di determinare le aree più attive.

Il placebo ha potenziato l’effetto nell’area del cervello ventromediale rostrale. Questa parte del cervello trasmette informazioni sul dolore.

Si è scoperto che il placebo rimuove il dolore in caso di suggerimento da parte di una persona di questo pensiero e “nocebo” migliora.

Next Post

Milioni di bambini hanno perso un parente durante la pandemia

Si stima che più di 1,5 milioni di bambini in tutto il mondo abbiano perso almeno un genitore, un nonno che viveva con loro a causa della morte durante i primi 14 mesi della pandemia. Lo studio evidenzia l’orfanotrofio come una conseguenza urgente e trascurata della pandemia e sottolinea che […]
Milioni di bambini hanno perso un parente durante la pandemia