Con le sanzioni in Russia sono finite le birre

Redazione

Le sanzioni occidentali alla Russia, avvenute in seguito all’invasione dell’Ucraina, hanno influito sulla disponibilità di birra nei bar e ristoranti del Paese.

Con le sanzioni in Russia sono finite le birre
foto@depositphotos.com

Le ultime birre disponibili in Russia

Scusa, questa è stata l’ultima bottiglia di birra che abbiamo“, sembra una frase ricorrente dei camerieri in Russia, adesso anche al centro di Mosca, come riporta il portale informativo news247.gr.

Più di 100 giorni dopo quella che la Russia ha effettuato quella che è stata definita un’operazione militare speciale in Ucraina, l’alcol di origine straniera è ancora disponibile nei pub di Mosca, ma le scorte stanno diminuendo.

Alcuni pub hanno accumulato grandi scorte quando tutto è iniziato. Ma per quanto ne so, non sono state ordinate e confermate nuove consegne dopo il 24 febbraio“, ha affermato Alexander Skirpkin, che gestisce due bar a Mosca.

Molte compagnie straniere hanno lasciato la Russia e il commercio marittimo è crollato, comprimendo l’economia e influenzando le abitudini dei russi abituati a una ricca selezione di alcolici stranieri.

La situazione per la birra è pessima“, ha affermato Anton, uno specialista IT di 36 anni che lavora per un istituto finanziario statale a Mosca.

Per non parlare di Paulaner, Pilsner Urquell e altre prelibatezze. Ci sono problemi non solo con le importazioni di birra, ma anche con il luppolo“, ha aggiunto.

I birrifici russi dipendono fortemente dalle importazioni di materie prime, come il luppolo.

Le complicazioni dell’invio di denaro ai fornitori in Europa e in America, così come l’interruzione delle catene di approvvigionamento, sono ora le due questioni più difficili“, ha affermato la Russian Brewers’ Association, citando Beer Resource, uno dei maggiori distributori di materie prime in Russia per i produttori di birra.

Le più grandi linee di container estere del mondo, comprese le prime tre MSC, Maersk, CMA CGM, hanno temporaneamente sospeso le spedizioni da e verso la Russia, mentre i paesi dell’Unione Europea confinanti con Russia e Bielorussia hanno vietato l’ingresso in Russia agli autocarri immatricolati in questi paesi secondo il RES -VIA.

Abbiamo scorte che dureranno sei mesi“, ha detto un portavoce dell’importatore di birra Nice Beer con sede a Mosca.

Anche gli alcolici di fabbricazione straniera potrebbero diventare rari. I magazzini sono quasi vuoti e i ristoranti vendono vecchie scorte, ha detto Sergei Mironov, un mediatore nei ristoranti di Mosca, ha riferito l’agenzia di stampa statale RIA.

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che le sanzioni aumenteranno in Occidente e offriranno nuove opportunità alle aziende russe.

Mentre il flusso di alcolici stranieri si sta esaurendo, bar e negozi stanno prendendo in considerazione la produzione locale di bevande.

Next Post

Curiosity scopre strane colonne rocciose su Marte

Il rover Curiosity ha scoperto una formazione di colonne nel paesaggio roccioso di Marte. Colonne rocciose sul pianeta rosso Tra le sabbie poco profonde e i massi del cratere Gale, si ergono una serie di torri di pietra tortuose, come riferisce il portale informativo esoreiter.ru, le punte di sedimento sembrano […]
Curiosity scopre strane colonne rocciose su Marte