Coronavirus: Il primo caso confermato negli Stati Uniti

Redazione

Arriva il primo caso confermato negli Stati Uniti del tanto pericoloso Coronavirus.

Individuata vicino a Seattle una persona arrivata dalla città di Wuhan infettata con il virus cinese. Wuhan rafforza i controlli sui viaggiatori con l’obiettivo di frenare la diffusione della nuova polmonite

La persona infetta è stata individuata vicino a Seattle, nello stato di Washington. Era arrivato dalla Cina.

Il focolaio del virus sarebbe un mercato ittico della città di Wuhan. L’uomo è effettivamente stato sul posto, ma non al mercato.

Segnalato il primo caso di Coronavirus negli Stati Uniti (Foto@Wikimedia)

La città di Wuhan ha nel frattempo adottato una serie di misure per rafforzare il controllo e il monitoraggio dei viaggiatori in partenza, nel tentativo di frenare la diffusione della nuova polmonite da coronavirus, vietando le partenze di gruppi turistici e compiendo controlli a campione sui veicoli a passeggeri privati in entrata e in uscita alla ricerca di pollame vivo o animali selvatici.

Lo rende noto la commissione sanitaria del municipio. Per i controlli sui sintomi di febbre dei passeggeri sono stati impiegati 35 termometri fissi a infrarossi e oltre 300 portatili in vari terminali di trasporto della città, tra cui l’aeroporto, le stazioni ferroviarie, le stazioni degli autobus e le banchine.

I passeggeri con febbre saranno registrati e riceveranno maschere e opuscoli sulla polmonite. Sarà loro anche consigliato di recarsi dal medico. Le cancellazioni e i cambi di biglietto saranno gratuiti.

Alle 18 di ieri risultano segnalati in Cina un totale di 224 casi di polmonite causata dal nuovo coronavirus. Di questi ne sono stati confermati 217, con 198 a Wuhan, 14 nella provincia del Guangdong e 5 a Pechino.

fonte@Sportello dei diritti

Next Post

Molestie: Anche solo le battute personali sono reato

Le continue battute a tema sessuale, possono già configurare il reato di molestia. Altro che «gioco» innocente: violenza le pacche sul sedere alle stagiste. La sentenza trae origine dall’appello proposto da un soggetto condannato in primo grado per il reato di molestia dal Tribunale di Bologna. La Corte conferma la condanna […]
Molestie Anche solo le battute personali sono reato