Coronavirus: sarà addio ai bagni pubblici maschili
Coronavirus addio ai bagni pubblici maschili

Il coronavirus ha drasticamente cambiato il modo in cui viviamo le nostre vite e, una volta usciti dal blocco, quei cambiamenti continueranno a farsi sentire.

Uno di questi potrebbe essere la fine dei bagni pubblici maschili così come li conosciamo, con un importante esperto che suggerisce che i servizi igienici neutri di genere potrebbero essere il modo migliore per andare avanti.

In un’intervista con il Sunday Times , l’amministratore delegato della British Toilet Association, Raymond Martin, ha spiegato come aveva consigliato consigli e aziende sulle migliori pratiche igieniche.

Ma oltre a proporre l’introduzione di sedili a chiusura automatica, nuovi distributori di sapone ed altri accessori, Martin ha suggerito che misure più drastiche potrebbero essere utili nel mondo post-pandemia.

Anziché utilizzare strutture separate, Martin ha proposto di introdurre un bagno ad ingresso unico, neutrale dal punto di vista del genere, che vedrebbe uomini e donne fare la fila su una porta e poi uscire dalla parte opposta.

Addio ai bagni pubblici come li conosciamo?

Martin ha dichiarato al giornale che si tratta di “salute pubblica“, che è di fondamentale importanza.

Ha detto: “Per come va il mondo, la tradizionale convenienza pubblica sta diventando un ricordo del passato. I servizi igienici hanno un enorme effetto commerciale su un’area, motivo per cui sono una delle prime cose che pianifichi in qualsiasi nuovo centro commerciale“.

Costerà un sacco di soldi, ma se vogliamo tornare all’aperto, socializzare, andare in parchi e spiagge, allora il governo deve intervenire. Vogliamo riportare la vita in questo paese e i servizi igienici ne sono una parte vitale.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ebola, l’epidemia in Congo raggiunge anche la città

L’ebola è un virus particolarmente aggressivo in grado di causare una febbre emorragica…

Georgia, giustiziata nonostante il Papa

In Georgia giustiziata un’americana nonostante l’appello del Papa, che chiedeva l’abolizione della…