Cosa si nasconde realmente nel lato oscuro della luna?

Redazione

Quando sentiamo parlare del “lato oscuro della luna” stiamo parlando del lato più lontano della luna. Definirlo “oscuro” non è del tutto corretto: sebbene sia nascosto agli osservatori dalla Terra, infatti, questo lato del satellite riceve tanta luce solare quanto il lato rivolto verso la Terra.

Cosa si nasconde realmente nel lato oscuro della luna

Il lato della Luna nascosto agli occhi umani è stato avvolto da segreti per molti secoli e solo recentemente gli astronomi sono riusciti a studiare questa misteriosa regione.

Se l’osservatore è sul pianeta, allora gli sembrerà che il suo satellite naturale non giri mai. Ma in realtà, ruota tutto il tempo: ruota solo attorno al proprio asse e ruota attorno al nostro pianeta alla stessa velocità: circa una volta ogni 27 giorni. Quando un corpo cosmico raggiunge questa sincronizzazione, gli astronomi dicono che è “bloccato in modo marziale“.

Gli scienziati ritengono che, come molti satelliti naturali, la luna abbia iniziato a girare a una velocità completamente diversa. Tuttavia, nel tempo, la gravità del nostro pianeta ha creato una coppia, sincronizzando la rotazione del satellite con il suo periodo orbitale. 

Questo fenomeno è in realtà abbastanza comune: molte delle lune di Saturno e Giove sono associate di mare al loro pianeta madre.

Fu a causa del blocco della marea che gli scienziati non sapevano come fosse il lato più lontano della luna fino al 1959, quando la sonda spaziale sovietica Luna 3 scattò le prime fotografie del paesaggio coperto di crateri. 

Da allora, abbiamo ricevuto altre buone osservazioni: nel 1968, gli astronauti a bordo della missione Apollo 8 della NASA divennero le prime persone a vedere il lato più lontano della luna con i propri occhi

Il Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA ha mappato l’intera superficie della Luna ad alta risoluzione dal 2009. E nel 2019, la Cina è diventata il primo paese ad atterrare dolcemente una navicella spaziale e schierare un rover sul lato oscuro della luna per sempre nascosto ai nostri occhi

Il modulo di atterraggio cinese Chang’e 4 e il rover Jade Rabbit 2 hanno permesso all’umanità di studiare più in dettaglio l’insolito paesaggio lunare.

Ma la verità è che non c’è bisogno di una navicella spaziale per vedere il lato più lontano della luna. Sebbene in qualsiasi momento si possa vedere un massimo del 50% del disco lunare, aree aggiuntive della sua superficie sono costantemente aperte a osservatori attenti. Infatti, durante il ciclo lunare, fino al 59% della superficie lunare diventa visibile agli osservatori sulla Terra se sanno cosa cercare e lo fanno sistematicamente.

Next Post

Nostradamus: 2021, tra asteroidi, carestie e virus letali

L’astrologo francese ha fatto alcune previsioni spaventosamente accurate, dalla seconda guerra mondiale all’assassinio di JFK. Ecco cosa ci dicono i suoi scritti su cosa ha in serbo il 2021. Dal Grande Incendio di Londra all’ascesa al potere di Adolf Hitler e agli orrori della Seconda Guerra Mondiale e dalla Rivoluzione Francese […]
Nostradamus: 2021, tra asteroidi, carestie e virus letali