Davide e Golia, l’interpretazione biblica è sempre stata sbagliata?
Davide e Golia interpretazione biblica sempre stata sbagliata

Davide e Golia fanno parte di una delle più famose narrazioni della Bibbia, ma un autore ha affermato che la classica interpretazione del testo è “fondamentalmente sbagliata” elaborando una nuova teoria.

Il racconto biblico è narrato come una lezione di coraggio e fede superando tutto ciò che sembra impossibile, Davide, un giovane pastore armato solo di una fionda, batte Golia, il potente ed enorme guerriero. Ma Malcolm Gladwell, autore di cinque bestseller, pensa che questa storia sia stata completamente fraintesa, sostenendo che Golia non era solo il vero perdente. Gladwell afferma che ci sono prove nella Bibbia che non solo suggeriscono che Davide fosse un guerriero molto più abile, ma ci sono prove mediche che Golia non ha mai avuto una sola possibilità nello scontro.

L’autore infatti tempo addietro aveva spiegato: “Davide, in quella storia, dovrebbe essere il perdente, giusto? In effetti, quel termine, Davide e Golia, è entrato nell’uso comune come metafora di vittorie impossibili da parte di una parte debole su qualcuno o qualcosa molto più forte“.

Ora perché chiamiamo Davide il possibile perdente inizialmente? Bene, lo chiamiamo sfavorito perché è un bambino, un bambino piccolo nei confronti di Golia che è questo gigante grande e forte“. 

Lo leghiamo ad un possibile perdente anche perché Golia è un guerriero esperto e Davide è solo un pastore. Ma soprattutto, è sfavorito perché Golia è dotato di tutte queste armi moderne, una scintillante armatura, una spada, un giavellotto e una lancia, e tutto ciò che Davide ha è questa fionda.”

L’autore inizia la disamina dicendo: “Bene, iniziamo da lì con la frase” Tutto ciò che Davide ha è questa fionda”, perché è il primo errore che facciamo“. 

Nell’antichità, c’erano tre tipi di guerrieri, c’è la cavalleria, uomini a cavallo e con carri, c’è fanteria pesante, che sono fanti, armati con spade e scudi e armature e c’è artiglieria ovvero arcieri, ma, soprattutto, fionde“. 

Un imbragatore è qualcuno che ha una custodia in pelle con due lunghe corde attaccate ad essa, inserisce un proiettile, una roccia o una palla, all’interno della custodia facendo roteare in questo modo e lasciando andare le corde, l’effetto naturalmente è di lanciare il proiettile in avanti verso il suo obiettivo“. 

Questo è ciò che Davide ha, ed è un’arma incredibilmente devastante. Quando Davide la fa girare in questo modo, la fionda probabilmente rotea a sei o sette rivoluzioni al secondo, e ciò significa che quando la roccia viene rilasciata, viene scagliata molto velocemente, probabilmente 35 metri al secondo.”

Gladwell ha spiegato perché questa arma sarebbe stata perfetta per sconfiggere Golia.

Davide e Golia, l’interpretazione biblica era sbagliata? (foto@Wikipedia)

Ha aggiunto “Allora Golia a cosa corrisponde? È una fanteria pesante e la sua aspettativa quando sfida gli israeliti a duellare, è che combatterà con un altro fante pesante“. 

Ma Davide non combatterà in quel modo, perché dovrebbe? È un pastore.  Ha trascorso tutta la sua vita usando una fionda per difendere il suo gregge contro leoni e lupi, ecco dove sta la sua forza“. 

Così eccolo, questo pastore, esperto nell’uso di un’arma devastante, contro questo gigante appesantito da un centinaio di chili di armatura e queste armi incredibilmente pesanti che sono utili solo nel combattimento a corto raggio“. 

Golia non ha possibilità sin dall’inizio“. Ma, forse ancora più scioccante, Gladwell afferma che Golia poteva essere stato ipovedente.

Ha continuato: “Golia non è quello che sembra essere, ci sono tantissimi suggerimenti in questo senso, nel testo biblico, cose che in retrospettiva sono abbastanza sconcertanti e non quadrano con la sua immagine di potente guerriero“. 

Quindi, per cominciare, la Bibbia dice che Golia è condotto sul fondo della valle da un addetto. Ora è strano, vero? Ecco questo potente guerriero che sfida gli israeliti a un combattimento uno contro uno, perché viene guidato per mano da un ragazzo, presumibilmente, fino al punto dove dovrà combattere?

In secondo luogo, la storia della Bibbia prende nota di quanto lentamente si muova Golia, un’altra cosa strana da interpretare quando viene descritto il guerriero più potente che uomo conosca, a quel punto e poi c’è tutta questa strana narrazione su quanto tempo impiega Golia a reagire alla vista di Davide“. 

Quindi Davide sta scendendo dalla montagna e chiaramente non si sta preparando per il combattimento corpo a corpo. Perché Golia non reagisce a questo punto? È come se fosse ignaro di quello che sta succedendo quel giorno“.

Gladwell ha delineato una teoria che ha così descritto.

Spiega: “Bene, si scopre che ci sono state molte speculazioni all’interno della comunità medica nel corso degli anni sul fatto che ci sia qualcosa di fondamentalmente sbagliato in Golia, un tentativo di dare un senso a tutte quelle apparenti anomalie“. 

Il primo articolo è stato nel 1960, nell’Indiana Medical Journal, e ha iniziato una catena di speculazioni che inizia con una spiegazione dell’altezza di Golia“. 

Golia è un gigante molto più grosso di tutti i suoi coetanei di quell’epoca, e di solito quando qualcuno è così fuori dalla norma, c’è una spiegazione per questo. La forma più comune di gigantismo è una condizione chiamata acromegalia, e l’acromegalia è causata da un tumore benigno della ghiandola pituitaria che provoca una sovrapproduzione di ormone della crescita umana“.

Nel corso della storia, molti dei giganti più famosi hanno avuto tutti acromegalia, la persona più alta di tutti i tempi era un ragazzo di nome Robert Wadlow che stava ancora crescendo quando è morto all’età di 24 anni“.

È stato affermato che questo problema medico potrebbe aver ostacolato la vista di Golia.

Gladwell ha continuato: “Chiunque sia insolitamente alto, questa è la prima spiegazione che ci viene in mente e l’acromegalia, ha una serie ben distinta di effetti collaterali associati ad essa, principalmente a che fare con la vista“. 

Il tumore dell’ipofisi, mentre cresce, spesso inizia a comprimere i nervi visivi nel cervello, con il risultato che le persone con acromegalia hanno una doppia visione o sono profondamente miopi“. 

Ciò spiegherebbe anche del suo comportamento il giorno dello scontro. Perché si muove così lentamente e deve essere scortato a valle da un addetto? Perché non può farsi strada da solo.

Gladwell ha concluso suggerendo che Davide sottovalutava il suo avversario perché non riusciva a vederlo correttamente.

Ha concluso: “Perché è così stranamente ignaro di Davide che non capisce che Davide non lo combatterà fino all’ultimo momento? Perché non può vederlo“. 

Quando dice: ‘Vieni da me per nutrire la tua carne con gli uccelli dei cieli e le bestie del campo,’ la frase ‘vieni da me’ è anche un indizio della sua vulnerabilità, vieni da me perché così posso vederti“. 

Quindi gli israeliti in cima alla montagna che lo guardavano dall’alto in basso pensavano che fosse un nemico straordinariamente potente. Quello che non capivano era che la vera fonte della sua forza apparente era anche la fonte della sua più grande debolezza.

Loading...
Potrebbero interessarti

Lutto, colori opposti in oriente ed occidente

Tutti noi, purtroppo, nel corso della vita siamo stati costretti ad affrontare…

Samantha Cristoforetti chiama dallo spazio Matteo Renzi

La grande astronauta Samantha Cristoforetti che attualmente sta vivendo un grande sogno,…