Elon Musk rivela: La prima città su Marte con cupole di vetro
Elon Musk rivela La prima citta su Marte con cupole di vetro

Il CEO di SpaceX, Elon Musk, ha piani molto ambiziosi per trasformare l’umanità in una specie multiplanetaria.

Con l’aiuto di una flotta di astronavi Starship, l’intrepido miliardario vuole stabilire un punto d’appoggio permanente su Marte, forte di un milione di persone, entro il 2050.

La vita in cupole di vetro in un primo momento” ha scritto Musk in un tweet giovedi, rispondendo a una domanda su ciò che la vita su Marte sarà simile nella fase iniziale. “Alla fine, terraformato per sostenere la vita, come la Terra.

Scienziati e autori di fantascienza hanno a lungo suggerito che la terraformazione potrebbe consentire agli esseri umani di respirare sulla superficie marziana. Ma quella visione è ancora un sogno lontano, ben oltre le prime basi marziane, secondo Musk.

Il terraforming sarà troppo lento per essere rilevante nella nostra vita“, ha scritto Musk in un tweet di follow-up . “Tuttavia, possiamo stabilire una base umana lì nel corso della nostra vita. Almeno una futura civiltà che viaggia nello spazio – scoprendo le nostre rovine – rimarrà colpita dagli umani che sono arrivati ​​a tanto“.

Elon Musk rivela La prima citta su Marte con cupole di vetro

Terraformare Marte è davvero un’impresa enorme. L’ analisi l’anno scorso ha concluso che può richiedere 3.500 testate nucleari ogni singolo giorno per aumentare la pressione atmosferica di Marte a livelli traspiranti e sciogliere le calotte di ghiaccio del pianeta, al fine di biossido di rilascio di carbonio, che verrà poi intrappolato sotto forma di gas serra.

Ma c’è un grosso inconveniente con quel piano. La conseguente radiazione renderebbe anche la superficie completamente inabitabile.

E uno studio del 2018 ha anche concluso che semplicemente non c’è abbastanza anidride carbonica intrappolata sul Pianeta Rosso per aumentare sufficientemente la pressione atmosferica per sostenere gli esseri umani sulla superficie.

Ma queste limitazioni non impediranno a Musk di perseguire il suo sogno di stabilire una presenza permanente lì.

Musk ha già affermato che con l’aiuto di “mille” astronavi Starship, massicci razzi che secondo lui saranno in grado di trasportare fino a 100 tonnellate di carico o 100 passeggeri tra i pianeti, potrebbe essere creata “una città su Marte sostenibile“. Secondo i calcoli di Musk, circa 100 veicoli dovrebbero trasportare ciascuno 100 tonnellate di carico ogni due anni.

I primi insediamenti potrebbero sembrare un po’ rudimentali.

Arrivare su Marte, penso, non è la questione fondamentale“, ha detto durante un vertice virtuale Humans to Mars di settembre. “La questione fondamentale è costruire una base, costruire una città su Marte che sia autosufficiente“.

Voglio sottolineare, questa è una cosa molto difficile e pericolosa“, ha aggiunto al momento. “Non per i deboli di cuore. Ci sono buone possibilità che morirai E sarà dura, ma sarà piuttosto glorioso se dovesse andare in porto.

Se non miglioriamo il nostro ritmo di progresso, sarò sicuramente morto prima di andare su Marte“, ha detto Musk durante la conferenza Satellite 2020 a Washington a marzo.

La sua compagnia spaziale ha fatto molta strada per trasformare Starship in realtà. Diversi primi prototipi hanno già preso il volo, anche se solo ad un’altezza di circa 500 piedi. Nelle settimane successive, il primo prototipo tenterà di volare ad un’altitudine di nove miglia.

Se tutto andrà secondo l’ambizioso piano di Musk, la prima astronave arriverà su Marte già nel 2024.

Loading...
Potrebbero interessarti

Sondaggio: Giocatori di Playstation più intelligenti di quelli della Xbox

Un nuovo studio afferma che le persone che possiedono una PlayStation sono…

Bara al torneo di scacchi con un software, espulso

Ha vinto una partita dopo l’altra con combinazioni straordinarie, ha sconfitto anche…