Figure retoriche? Siamo circondati dalle onomatopee!

Quando a scuola ci toccava studiare e poi rintracciare nei vari testi le figure retoriche ci sembrava una fatica immane e soprattutto inutile: quando mai, nella vita reale e concreta, ci sarebbe toccato avere a che fare con queste figure “misteriose”?

Eppure molte di queste le ritroviamo quotidianamente, nel linguaggio comune ma non solo: se vi è capitato di leggere o sfogliare un fumetto siete stati sommersi dalle onomatopee.

Cosa sono le onomatopee?

Le onomatopee, o anche parole onomatopeiche, altro non sono che quelle  parole che riproducono, attraverso i suoni linguistici di una lingua, il rumore o il suono associato a un oggetto. 

Nella maggior parte dei casi vengono utilizzate per riprodurre i versi degli animali, il rumore di oggetti o azioni che hanno una componente fonica specifica.

Tic tac, crac, plin, din don, eccì, brr, e potremmo continuare ancora per molto: sono centinaia e parecchie sono mutuate anche dalla lingua inglese come sniff, splash, boom e slam.

Molte onomatopee sono ormai parte integrante della nostra lingua, anzi sono nate proprio in base all’imitazione del rumore di ciò che significano. 

Next Post

Marte: La testa di una statua ritrovata sul pianeta rosso

Un ricercatore di anomalie della superficie di Marte si è imbattuto in una foto che mostrerebbe la testa di una statua che giace nelle sabbie del Pianeta Rosso. Il ricercatore instancabile Scott C. Waring sembrerebbe aver portato a termine l’affascinante scoperta osservando le immagini della NASA pubblicate all’inizio di questa […]