Funghi magici, saranno approvati come terapia rivoluzionaria

I funghi magici sono definiti come una “terapia rivoluzionaria” per la depressione da parte della FDA e sono in attesa per l’approvazione medica definitiva

La sostanza chimica del “fungo magico“, la psilocibina, è stata definita come una terapia innovativa dalla FDA, accelerando la ricerca sul suo utilizzo per curare la depressione .

La designazione è stata introdotta nel 2012 ed è riservata solo a trattamenti per condizioni gravi e potenzialmente letali che potrebbero essere migliori di quelle esistenti.

La psilocibina è un farmaco di schedula I, secondo la Drug Enforcement Administration (DA), ma esso e molti altri farmaci psichedelici hanno recentemente acquisito molta fiducia come trattamenti promettenti per problemi psicologici e mentali.

Ad agosto, una prova di psilocibina ha ottenuto l’approvazione della FDA per la prima volta.

I risultati delle prove fino ad ora sono apparentemente così promettenti per i pazienti con depressione che l’agenzia ha fornito questa rara classificazione, che potrebbe ridurre il tempo necessario per ottenere l’approvazione a meno della metà.

La depressione è estremamente comune negli Stati Uniti, tuttavia molti pazienti non si sentono in grado di trovare un trattamento efficace.

Circa 40 milioni di adulti soffrono di qualche grado o forma di depressione. È ampiamente accettato che una combinazione di terapia verbale e farmaci è più vantaggiosa per la maggior parte dei pazienti con depressione, ma anche l’attacco su due fronti fallisce per molti.

Tra il 10 e il 30% di queste persone non trova sollievo dai farmaci tradizionali, come gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) comunemente prescritti.

Esistono circa 10 altre classi di farmaci antidepressivi, ma per alcuni pazienti falliscono tutti.

La psilocibina è radicalmente diversa da questi trattamenti esistenti.

Mentre si pensa che gli SSRI e altri antidepressivi approvati funzionino rendendo il centro emotivo del cervello, l’amigdala, meno sensibile agli intensi sentimenti negativi.

La psilocibina sembra fare l’opposto.

Nelle scansioni cerebrali di pazienti cui è stato somministrato il trattamento sperimentale per la depressione, la psilocibina sembra incoraggiare l’attività emotiva nell’amigdala.

Eppure, in qualche modo, i pazienti sono quindi più capaci di elaborare queste sensazioni e si sentono sollevati dai loro sintomi depressivi solo poche settimane dopo.

Altre ricerche hanno suggerito che il farmaco “ripristina” i circuiti neurali facevano parte di quegli input negativi nei cervelli dei pazienti.

Il crescente numero di prove a supporto dell’utilità della psilocibina ha portato la FDA a dare a Peter Thiel, della Compass Pathways, il via libera per espandere la sua sperimentazione clinica del composto negli Stati Uniti in agosto.

Compass stava per iniziare un processo nel Regno Unito e presto avvierà anche i test in Canada e nei Paesi Bassi.

foto@Flickr

Eleonora Gitto

Giornalista professionista, content writer freelance, presidente presso Comunicazioni e Territori Scarl, consulente Consiglio Regionale Campania, vanta numerose collaborazioni presso testate giornalistiche, si occupa del settore sanitario e politico italiano.

Potrebbero interessarti

Galatina, in sala operatoria si fa luce con la torcia del cellulare

Capita anche questo, sembra un episodio a cui difficilmente è possibile credere,…

Coldiretti, gli italiani proprio non ci pensano ad essere vegani

Una maggiore attenzione all’ambiente ci può stare, come anche cercare di limitare…

Vaccini, radiato dall’albo un altro medico contrario alle vaccinazioni

C’è grande fermento, in questi giorni, per quanto riguarda la questione vaccini…

Prevenire il raffreddore dormendo più di sei ore

Chi dorme per meno di sei ore a notte, non solo accusa…