Gatti, ecco perché si crede abbiano 7 vite

Quando a qualcuno di noi accade qualcosa di brutto, e si rimane illesi per il rotto della cuffia, si è solito dire che si hanno “sette vite come i gatti”.

Un vecchio detto che abbiamo sentito ripetere centinaia di volte, ma da dove deriva questa antica credenza popolare?

Principalmente questa credenza è legata al fatto che i gatti possono sopravvivere a cadute, anche da altezze considerevoli, con poche lesioni o addirittura nessuna.

Per di più, quando un gatto rimane ferito gravemente riesce a recuperare in fretta poiché le sue piccole dimensioni e il suo peso corporeo attenuano l’impatto con il terreno dopo una caduta.

La credenza risale però anche alla civiltà egizia e qui il senso è molto differente: secondo questa teoria, quando una persona muore la sua anima si sposta in un altro corpo e ciò può succedere in diverse occasioni perché ciò che muore, in realtà, è solo il corpo.

Gli antichi Egizi erano convinti che, come l’uomo, anche il gatto avesse questa capacità e che una volta raggiunta la sesta vita, nella settima si sarebbero reincarnati in esseri umani.

La scelta del particolare numero è legato al fatto che il 7 è il numero della perfezione, dell’universalità e dell’equilibrio: caratteristiche che appartengono inequivocabilmente ai gatti.

Next Post

18 ore di sole? Possibile durante le notti bianche in Russia

Se siete stati in alcune zone della Russia vi sarà senza dubbio capitato di assistere a un fenomeno straordinario, soprattutto per chi non ne conosceva l’esistenza prima: poter vivere con la luce del sole quasi ininterrottamente durante le 24 ore della giornata. In diverse città della Russia si può vivere […]