Covid: La variante inglese partita da una singola persona

Redazione

Le mutazioni del coronavirus, in genere, seguono una scala incrementale e non si diffondono né assumono proporzioni enormi. Ciò ha reso la variante B.1.1.7, la versione altamente infettiva di SARS-CoV-2 identificata per la prima volta nel Regno Unito, ancora più confusa, poiché conteneva 17 diverse mutazioni dal ceppo originale all’origine della pandemia.

Covid La variante inglese partita da una singola persona

Era insolito a settembre vedere improvvisamente apparire una variante con 17 modifiche. Ciò ha suggerito che fosse accaduto qualcosa di insolito “, afferma Adam Lauring, ricercatore sul virus RNA presso la University of Michigan School of Medicine.

Capire come si siano verificate tutte queste mutazioni allo stesso tempo rimane una sfida, ma i virologi ritengono che l’intero processo si sia svolto in un singolo paziente che è stato malato da così tanto tempo che il coronavirus ha avuto tutto il tempo per mutare in variante trasmissibile e forse più mortale.

Il coronavirus SARS-CoV-2 non è l’unico virus che può persistere per un tempo insolitamente lungo nel corpo umano. Il virus Ebola RNA è stato rilevato nello sperma degli uomini un anno dopo il loro recupero. Alcune persone rimangono infettate dal norovirus, un comune patogeno che causa vomito e diarrea, per più di sei mesi.

Coloro che contraggono un’infezione cronica tendono ad avere una cosa in comune: il loro sistema immunitario è compromesso in un modo che non consente loro di sbarazzarsi completamente di un’infezione. Ad esempio, un uomo studiato da Lauring e dal suo team era sottoposto a chemioterapia per il cancro dei linfonodi, che probabilmente ha ostacolato la produzione di cellule immunitarie che rispondono a nuovi virus. In questo stato, il paziente ha impiegato 102 giorni per sbarazzarsi dell’infezione.

L’uomo che ha emesso il poliovirus per almeno 28 anni soffriva di un disturbo chiamato immunodeficienza variabile comune, che riduce il numero di anticorpi nel sangue e rende più difficile per il corpo combattere le infezioni. Le persone con un sistema immunitario indebolito forniscono a virus come SARS-CoV-2 un ambiente unico.

Invece di eliminare rapidamente un’infezione, una persona immunocompromessa può eliminare un’infezione solo parzialmente, lasciando dietro di sé una popolazione di virus geneticamente più resistenti che si moltiplicano e ricominciano il ciclo. In queste persone, un virus può evolversi a una velocità notevole. “Per tutto il tempo il loro sistema immunitario combatte il virus. Il virus ha quindi la possibilità di imparare a resistere al sistema immunitario umano ” , afferma Emma Hodcroft, ricercatrice presso l’Università di Berna.

Next Post

Cordial-1 il test Covid direttamente su uno smartphone

Un test Covid-19 affidabile come una PCR con una risposta in 10 minuti sul tuo smartphone, questa l’invenzione dei ricercatori di Lille e Marsiglia con risultati promettenti. I ricercatori di Lille e Marsiglia hanno sviluppato un dispositivo che si collega ad uno smartphone e consente di rilevare la presenza del coronavirus in un campione. Il Prof. David Devos, […]
Cordial-1 il test Covid direttamente su uno smartphone