Gerusalemme: Ritrovati i chiodi della crocifissione di Gesù?
Gerusalemme Ritrovati i chiodi della crocifissione di Gesu

I chiodi sarebbero stati trovati a Gerusalemme, in una grotta sepolcrale del I secolo e gli scienziati affermano anche di aver scoperto frammenti di ossa e legno su di essi che dimostrano che furono usati in una crocifissione.

Un nuovo studio ha rivelato che i chiodi che sono stati collegati in modo controverso alla crocifissione di Gesù Cristohanno davvero frammenti di ossa e legno antichi incastonati.

I chiodi sarebbero stati trovati a Gerusalemme, in una grotta sepolcrale del I secolo che si credeva fosse il luogo di riposo di Caifa, il sacerdote ebreo che nella Bibbia mandò Gesù a morire.

Ad un certo punto dopo lo scavo della grotta nel 1990, tuttavia, i chiodi sono scomparsi.

Ma il regista Simcha Jacobovici afferma di aver trovato i chiodi e che sono stati usati per crocifiggere Gesù stesso proprio girando un documentario, Nails Of The Cross.

A quel tempo, gli studiosi respinsero il suggerimento, negando che i chiodi trovati da Jacobovici, fossero gli stessi della tomba di Caifa.

Ma ora un nuovo studio ha concluso che i chiodi sono davvero gli stessi e che probabilmente sono stati usati anche per crocifiggere qualcuno.

L’autore principale, il dottor Aryeh Shimron, ha fatto una scoperta sbalorditiva dopo aver confrontato il materiale dei chiodi con il materiale degli ossari della tomba: scatole di pietra calcarea usate per conservare le ossa dei morti.

Ha detto: “I materiali che invadono le grotte differiscono sottilmente da grotta a grotta a seconda della topografia, della composizione del suolo nell’area, del microclima e della vegetazione circostante“.

Di conseguenza le grotte hanno firme fisiche e chimiche distinte. Sono state esaminate le proprietà fisiche e chimiche dei materiali che, nei secoli, hanno invaso la tomba e i suoi ossari“.

La nostra analisi dimostra chiaramente e inequivocabilmente che questi materiali sono chimicamente e fisicamente identici a quelli che, nel corso dei secoli, si sono attaccati anche ai chiodi“.

La grotta di Caifa è stata l’unica corrispondenza per i chiodi su 25 tombe testate, ha scoperto il dottor Shimron.

Ha continuato: “Abbiamo anche scoperto sottili schegge di legno accumulate all’interno della ruggine dell’ossido di ferro dei chiodi. È ben conservato e interamente pietrificato… il legno è quindi antico e non è un finto attaccamento casuale o artificiale ai chiodi“.

All’interno della ruggine e dei sedimenti attaccati alle unghie, abbiamo anche identificato e fotografato una serie di frammenti microscopici di ossa“.

Per il dottor Shimron, un geologo in pensione che ha lavorato con l’Israel’s Geological Survey, è una prova convincente.

È anche pertinente che i chiodi usati nella crocifissione una volta fossero considerati avere potenti proprietà curative e quindi erano tenuti come amuleti.

In quanto tali, i chiodi potrebbero essere stati conservati da un Caifa pentito, sostiene Jacobovici.

Sostiene inoltre che le reliquie sarebbero state sufficienti per fissare una mano umana a una trave trasversale e che potrebbero essere state piegate alla fine per impedire a un condannato di liberarsi.

Eppure il dottor Shimron ha però smesso di legare i chiodi a Cristo stesso.

La prova che i chiodi sono stati usati in una crocifissione è davvero palese“, ha detto.

Ma l’unica prova che abbiamo che furono usati per crocifiggere il Gesù dei Vangeli è che furono trovati nella tomba di Caifa“.

Le nostre prove sono sufficienti? Non posso davvero dirlo, scelgo di fare affidamento sulla buona scienza piuttosto che sulla speculazione “.

L’Israel Antiquities Authority (IAA) ha sempre sostenuto che i chiodi in questione non provengono dalla tomba di Caifa.

E mentre l’autorità ha ammesso che il nuovo studio è “interessante e fornisce spunti di riflessione“, un portavoce ha affermato che le sue “conclusioni storiche inequivocabili sono alquanto problematiche“.

La loro dichiarazione diceva: “Sembra ragionevole che i chiodi menzionati nella ricerca provenissero effettivamente da una grotta a Gerusalemme risalente allo stesso periodo“.

Tuttavia, una connessione diretta a questa specifica grotta non è stata dimostrata. In effetti, anche se è stato trovato un collegamento, non possiamo ancora determinare con alcun grado di certezza che la grotta sia effettivamente il luogo di sepoltura del sommo sacerdote Caifa“.

In passato sono sorte domande riguardanti, ad esempio, la semplicità della grotta, che non si adattava allo status sociale supremo di questa persona.”

La dichiarazione continua: “L’opinione ufficiale dell’IAA è che i chiodi avrebbero potuto essere usati su qualunque delle centinaia di persone che hanno infranto la legge romana e subito questo tipo di esecuzione“.

Sembra, quindi, che qualsiasi conclusione che non sia derivata direttamente dai reperti dovrebbe essere attentamente esaminata con gli strumenti scientifici a disposizione dei ricercatori oggi“.

Al momento, esiste solo un esempio indiscusso di resti umani di una crocifissione, ritrovata nel 1968, quando gli archeologi dissotterrarono un calcagno con un chiodo ancora incastonato.

Identificare due chiodi da una crocifissione nel contesto archeologico della tomba di Caifa è di enorme importanza per la storia e ancora di più per il cristianesimo primitivo“, ha detto il dott. Shimron.

La grotta Caifa è stata scoperta nella foresta della pace di Gerusalemme, nel sud della città, e da allora è stata pavimentata.

Un chiodo è stato trovato sul pavimento, vicino all’ossario di Caifa, finemente decorato, mentre l’altro è stato trovato in un altro ossario che non riportava il nome.

Loading...
Potrebbero interessarti

Sul suolo di Marte resti di animali?

Il noto ufologo Scott Waring ha notato un oggetto in una fotografia…

Corea del Nord, miniaturizzate testate nucleari

“Abbiamo raggiunto un livello di massima accuratezza. Possiamo preparare missili a corto…