Gianluca Vacchi, col pignoramento guadagna solo altra popolarità

Nelle scorse ore la notizia ha fatto il giro di tutti i siti e giornali di gossip, e non solo: sono finite in mano al Banco Bpm – nato a gennaio dalla fusione tra il veronese Banco Popolare e la Banca Popolare di Milano – beni per 10 milioni di euro, tra yacht, ville, azioni e quote di un golf club, appartenenti a Gianluca Vacchi, ‘star dei social network’ con 12 milioni di followers e la cui famiglia detiene una importante partecipazione in Ima, colosso del packaging guidato dal cugino, Alberto Vacchi.

Nello specifico, sono diventati esecutivi i pignoramenti compiuti tempo fa da Verona per il mancato rimborso di un finanziamento, per una decina di milioni, alla holding First Investments, di cui lo stesso Vacchi è amministratore, finito in portafoglio alla banca dopo il matrimonio tra Milano e Verona.

Chi pensa però che Vacchi si ritroverà sul lastrico non potrebbe essere più lontano dalla realtà: il suo nome figura in almeno dieci imprese importanti e gli sarebbe bastato vendere qualche migliaio di azioni per ripianare i debiti e fermare il pignoramento.

Ma Vacchi è convinto di stare nel giusto. In un’intervista a QN, Mister Enojoy spiega com’è nato il contenzioso tanto chiacchierato con la banca: “Ho ricevuto migliaia di commenti sui social network, con offese di ogni tipo, come se fossi in un crac finanziario. Invece è qualcosa che accade a migliaia di risparmiatori oggi. […] Se i tuoi consulenti ti dicono che ci sono state delle irregolarità nel conteggio degli interessi, mi sembra normale voler far chiarezza. E si è arrivati al contenzioso”.

Poi parla, nel dettaglio, della situazione con la banca: “L’istituto ha messo in campo i suoi strumenti, io pagherò se e nella misura in cui il tribunale riterrà. Su questo non si discute. [Ma in passato] ho avuto rapporti per centinaia e centinaia di milioni di euro con istituti bancari che ho sempre onorato”.

Infine parla della sua scelta di lasciare l’azienda: “Ho lasciato il lavoro subito, a 29 anni. Non so stare a una scrivania. Dall’Ima sto lontano per mia volontà. Non sono il migliore gestore dell’azienda e lo so. Se più persone la pensassero come me, non fallirebbe l’85% delle aziende familiari alla terza generazione”.

Questo creerà cattiva pubblicità all’istrionico imprenditore?

Roberto D’Agostino, fondatore del sito Dagospia ,che è stato il primo, in Italia, a capire e sdoganare Mr. Enjoy, non la pensa affatto così: “Sarà solo altra popolarità garantita. Se, come diceva George Bernard Shaw, lo scopo della vita non è cercare se stessi, ma creare se stessi, Vacchi ha già vinto. Anzi ha stravinto”.

Next Post

Elvis Presley, 40 anni fa moriva The King of Rock'n'Roll

Oggi è ancora vividissimo nella mente di tutti il suo ricordo eppure sono già passati 40 anni da quando morì nella sua casa di Graceland, ufficialmente per un attacco di cuore, anche se i suoi fan più appassionati restano convinti che sia ancora vivo da qualche parte nel mondo. Elvis […]