Gli esperti UFO fanno marcia indietro: Siamo soli!
Gli esperti UFO fanno marcia indietro Siamo soli

Gli esperti cacciatori di alieni ammettono che potremmo essere soli nell’universo.

Un nuovo studio ha rivelato che le probabilità che gli alieni esistano sono davvero irrisorie, con i ricercatori che dicono che ci sono pochi mondi in grado di sostenere la vita diversamente da quanto si credesse in precedenza.

Un accumulo di gas tossici nelle atmosfere della maggior parte dei pianeti li rende inadatti a una vita complessa come la conosciamo, affermano gli scienziati.

Il Coautore Professore Timothy Lyons, uno scienziato planetario, ha dichiarato: “Questa è la prima volta che i limiti fisiologici della vita sulla Terra sono stati considerati per prevedere la distribuzione della vita complessa altrove nell’universo“.

Immagina una “zona abitabile per una vita complessa” definita come una zona sicura in cui sarebbe plausibile sostenere ecosistemi ricchi come quelli che troviamo oggi sulla Terra. I nostri risultati indicano che ecosistemi complessi come il nostro non possono esistere nella maggior parte delle regioni della zona abitabile dell’universo conosciuto“.

A volte soprannominata “Goldilocks Zone”, è definita come la gamma di distanze da una stella abbastanza calda che l’acqua liquida potrebbe esistere sulla superficie di un pianeta.

Lo studio, pubblicato su The Astrophysical Journal, ha utilizzato modelli computerizzati per analizzare il clima atmosferico e la fotochimica su una varietà di pianeti.

Ad esempio, quelli troppo lontani dalla loro stella ospite richiedono il potente biossido di carbonio per l’effetto serra per mantenere le temperature al di sopra dello zero compresa la Terra.

Ma l’autore principale, il dott. Edward Schwieterman, ha dichiarato: “Per sostenere l’acqua liquida ai margini della zona abitativa convenzionale, un pianeta avrebbe bisogno di decine di migliaia di volte più di anidride carbonica rispetto alla Terra oggi. Questo è ben oltre i livelli noti dunque tossico per la vita umana e animale come sulla Terra“.

Alcune stelle come la vicina Proxima Centauri e TRAPPIST-1 non hanno zone abitabili per la vita aliena.

Se esiste altrove nel sistema solare, ha spiegato il dott. Schwieterman, si trova in profondità sotto una superficie rocciosa o ghiacciata. Quindi, gli esopianeti potrebbero essere la nostra migliore speranza per trovare mondi abitabili più simili ai nostri.

Ha aggiunto: “Penso che mostrare quanto raro e speciale il nostro pianeta stia solo facendoci capire che è proprio il caso di proteggerlo. Per quanto ne sappiamo, la Terra è l’unico pianeta dell’universo in grado di sostenere la vita umana“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Sladda, la bici componibile Ikea

Ikea, il colosso svedese dei mobili ha lanciato un nuovo prodotto, questa…

Friuli Venezia Giulia, gli animali domestici viaggeranno sui mezzi pubblici

Nonostante negli anni il fenomeno, per fortuna, si è notevolmente ridimensionato, quando…