Google car, senza pilota, presto sulle strade californiane

Presto le Google Car potranno essere immesse sul mercato e inizieranno a popolare le nostre strade: a dare l’annuncio è lo stesso colosso di Mountain View, che illustra come il progetto sia finalmente arrivato ad una svolta decisiva.

«Adesso – fa sapere il capo progetto di Google, Chris Urmson – siamo pronti ad annunciare il nuovo passo del nostro progetto: questa estate alcuni dei prototipi che abbiamo creato lasceranno il tracciato di prova e potranno viaggiare sulle strade di Mountain View, in California, con i nostri piloti di sicurezza a bordo»: se le sperimentazioni procederanno e daranno i risultati sperati, le auto che si guidano da sole, senza pilota arriveranno sul mercato già entro i prossimi 5 ani.

L’obiettivo finale, spiega il co-fondatore di Google Sergey Brin, è arrivare ad auto completamente controllate dai computer che eliminino l’errore umano, fattore stimato come causa del 90% del milione e 200mila incidenti che avvengono su strada ogni anno nel mondo.

Google, riporta l’AP, per la nuova sperimentazione partirà con 25 unità, ma punta a realizzarne tra le 50 e le 100 da testare anche in condizioni diverse, in collina o con la pioggia. Le Google Car non potranno comunque circolare a più di 40 km/h e dovranno essere dotate di volante e pedali, in quanto la normativa californiana sulle autonomous car lo prevede.

La nuova vettura non è progettata per lunghi viaggi o gite di piacere, non ha ancora air bag o altri elementi di sicurezza richiesti per legge: non può superare una velocità di 25 miglia orarie (40,2 km/h) ed è elettrica, va «ricaricata» ogni 80 miglia (circa 130 km).

Ma il futuro è sempre più vicino e magari l’obiettivo di Google sarà presto raggiunto: immettere sul mercato auto capaci di eliminare l’errore umano, fattore stimato come causa del 90% del milione e 200mila incidenti che avvengono su strada ogni anno nel mondo.

Next Post

Russia, altro razzo precipitato dopo Progress

Alla Russia proprio non gliene ve bene una: dopo il fallimento, costato diversi milioni di euro, del cargo Progress, che doveva trasportare rifornimenti alla Stazione Spaziale e che invece ha smesso di rispondere ai comandi e si è disintegrato nell’urto contro l’atmosfera, un altro missile si è schiantato nelle scorse […]