Diritto ad accedere ad internet dovrebbe essere sancito dalla Costituzione

Col passare degli anni, inevitabilmente, le leggi, come i diritti e i doveri da assicurare al cittadino, devono necessariamente evolversi col mutare delle esigenze.

Ed è per questo che accanto ad alcuni diritti fondamentali sanciti dalla costituzione, come quello alla dignità, alla vita, ad avere un lavoro dignitoso con cui mantenersi, alla libertà di parola e pensiero, dovrebbe essere presto aggiunto il diritto a poter accedere, senza limitazioni, al mondo del web e di internet.

Ad avanzare la proposta è  il professor Alberto Gambino, presidente dell’Accademia Italiana del Codice Internet (IAIC), intervenendo, assieme al professor Augusto Preta e all’avvocato Marco Cappa, alla Commissione Affari Costituzionali del Senato nell’ambito di un’audizione sui disegni di legge sulla costituzionalizzazione dell’accesso ad Internet.

Per gli esperti infatti l’accesso alla rete per tutti i cittadini è condizione essenziale, nell’attuale contesto tecnologico, per una effettiva parità di condizioni e per un pieno esercizio dei diritti di cittadinanza.

L’accesso alla rete viene difatti considerato un bisogno essenziale, alla stessa stregua e con la stessa dignità del diritto alla salute, alla ricerca, all’istruzione.

Loading...
Potrebbero interessarti

Nepal il sisma miete oltre 2400 vittime

In queste ore il numero delle vittime del tremendo terremoto che ha…

Spotify mappa i gusti musicali dei principali stati del globo

Con un’utenza attiva, in ogni parte del mondo, di oltre 75 milioni…