Google la ricerca di immagini si aggiorna

Redazione

Il motore di ricerca di Google, presente da oltre 25 anni, è diventato il principale sistema di ricerca in rete grazie soprattutto alla sua semplicità ed immediatezza anche della veste grafica.

Google ha introdotto una serie di innovazioni e aggiornamenti che dovrebbero raggiungere il motore in varie fasi, nonché le varie applicazioni di ricerca sugli smartphone, sia su Android che su iPhone.

Tutte le innovazioni sono basate su MUM, ovvero un modello multitasking unificato, che in realtà è un motore in grado di analizzare e comprendere tutti i contesti della ricerca e fornire risultati di conseguenza.

Google la ricerca di immagini si aggiorna
foto@Wikimedia

La principale innovazione che verrà presto la sua applicazione in inglese, è un campo di ricerca ampliato chiamato Things to know.

Fornisce risposte alle query di ricerca relative agli argomenti. Ad esempio, se cerchi “pittura acrilica”, i risultati della ricerca includeranno tutti i contesti in cui il soggetto appare, nonché le risposte che altri hanno ricevuto sulla stessa stringa e dove li ha condotti.

Nel contesto della pittura, ad esempio, ciò potrebbe portare a un negozio di forniture per l’arte, un museo specializzato nel settore o tutti i grandi pittori della storia che hanno dipinto con colori acrilici.

Riceverai anche risposte che includeranno le stringhe di ricerca di accompagnamento esempio: “come disegnare un dipinto in acrilico con gli oggetti che ho in casa“.

Come funziona la ricerca nel motore Google

Il contesto viene ampliato in base all’argomento e più ampia è la query, più Google ti fornirà percorsi di risposta diversi che possono aiutare a perfezionare la risposta appropriata. Se continuiamo la ricerca otterremo più direzioni diverse a cui potremmo non aver pensato.

Questa è una caratteristica utile soprattutto se la nostra domanda è troppo generica o se le parole di ricerca possono indicare un numero di contesti diversi.

Oltre alla tradizionale ricerca tramite browser, l’azienda sta anche espandendo la sua ricerca visiva tramite Google Lens.

Partiamo dal fatto che il motore di riconoscimento delle immagini ottiene una serie di nuove funzionalità come: la possibilità di cercare foto o personaggi all’interno di un video o immagini sul sito; Identifica testo, immagine o video, forme o qualsiasi altro formato di informazione.

Questa è una funzionalità molto utile per coloro che cercano risposte più accurate rispetto a “Dov’è il sito nell’immagine“.

Next Post

Com'è comparso l'ossigeno sulla Terra?

I biologi americani sono riusciti a stabilire quando l’ossigeno è apparso nell’atmosfera terrestre. Come riporta il portale RIA Novosti con riferimento a uno studio di specialisti del Massachusetts Institute of Technology, i cianobatteri responsabili della produzione di ossigeno sono comparsi sul pianeta circa tre miliardi di anni fa, contemporaneamente all’inizio […]
Come comparso ossigeno sulla Terra