Grassi buoni e grassi cattivi, conosci le differenze

Redazione

Se hai fatto ricerche sui diversi tipi di grassi, probabilmente hai sentito le due grandi distinzioni tra: “grassi buoni” e “grassi cattivi“.

I grassi cattivi quali sono?

  • Grassi saturi
    I grassi saturi si trovano nei tagli di carne grassa, nel formaggio, nel latte e nel pollame con la pelle. Molte diete povere di carboidrati, come la Atkins, hanno suggerito in passato che le persone a dieta consumano grassi saturi, ma la maggior parte ora insiste sul fatto che le persone a dieta consumano più “grassi buoni”.

I grassi saturi aumentano il colesterolo cattivo (LDL), che può causare malattie cardiache e alcuni tipi di cancro. Se la tua dieta a basso contenuto di carboidrati è ricca di grassi saturi, dovresti considerare di ridimensionarla in modo che possa soddisfarti a tavola, ma non mettere a rischio la tua salute.

  • Grassi idrogenati (grassi trans).
    I grassi idrogenati sono prodotti dall’uomo, ma assumono molte delle caratteristiche dei grassi saturi. Sono specificamente riprogettati per rimanere resistenti a temperatura ambiente.

Puoi trovare grassi idrogenati in dolci e biscotti, che molto probabilmente non mangerai con la tua dieta a basso contenuto di carboidrati; tuttavia, puoi trovarli anche in tutti i prodotti a base di margarina, quindi è importante controllare le etichette degli ingredienti sui prodotti alimentari prima di acquistarli.

Grassi buoni e grassi cattivi conosci le differenze

I grassi buoni quali sono?

  • Grassi monoinsaturi
    I grassi monoinsaturi sono grassi naturali che abbassano il colesterolo cattivo” (LDL) e impediscono al colesterolo “buono” (HDL) di abbassarsi. Con una dieta a basso contenuto di carboidrati, probabilmente ti troverai di fronte a molti grassi monoinsaturi sotto forma di olio di canola, olio d’oliva, olio di arachidi e noci.

Non solo queste fonti sono prive di carboidrati o a basso contenuto di carboidrati, ma la maggior parte di essi sono anche ricchi di proteine, sostengono la nostra salute e possono ridurre il rischio di alcuni tumori.

  • Anche i grassi polinsaturi sono grassi naturali. Sono disponibili in due gruppi principali: acidi grassi Omega-3 e Omega-6. Con una dieta a basso contenuto di carboidrati, puoi trovare Omega-3 nella maggior parte dei tipi di pesci grassi, come salmone e trota; Gli acidi grassi Omega-6 si trovano nella maggior parte degli oli di semi.

Gli acidi grassi Omega aiutano a ridurre il colesterolo cattivo, promuovono la salute del cervello e riducono l’incidenza di morte improvvisa per infarto.

È importante mangiare grassi saturi per saziare la fame e prevenire le voglie, ma dovresti anche concentrarti principalmente sui grassi “buoni” – poli e monoinsaturi – per aumentare il tuo “colesterolo buono”, abbassare il colesterolo cattivo” e prevenire alcuni tipi di cancro.

Next Post

Gli scienziati non vogliono il chip Neuralink di Elon Musk

Il dispositivo in miniatura di Neuralink mira ad alleviare alcuni problemi di salute, come consentire alle persone paralizzate di utilizzare la loro attività cerebrale per controllare i loro computer e dispositivi mobili. La scorsa settimana è stata diffusa la notizia che Neuralink si sta già preparando per iniziare le prove […]
Gli scienziati non vogliono il chip Neuralink di Elon Musk