I ghiacciai si ritirano sempre più velocemente è allarme

Redazione

Quasi tutti i ghiacciai del mondo si stanno assottigliando e perdendo massa, e questi cambiamenti stanno accelerando sempre più, secondo l’analisi più completa e accurata del loro genere fino ad oggi.

I ghiacciai sono un indicatore sensibile del cambiamento climatico e uno che può essere facilmente osservato. Indipendentemente dall’altitudine o dalla latitudine, i ghiacciai si sono sciolti ad un ritmo elevato dalla metà del XX secolo. Tuttavia, fino ad ora, l’entità completa della perdita di ghiaccio è stata misurata e compresa solo parzialmente.

I ghiacciai si ritirano sempre piu velocemente allarme

Un gruppo di ricerca internazionale guidato dall’ETH di Zurigo e dall’Università di Tolosa ha redatto uno studio completo sul ritiro globale dei ghiacciai, pubblicato su Nature. Questo è il primo studio che include tutti i ghiacciai del mondo, circa 220.000 in totale, escluse le calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide. La risoluzione spaziale e temporale dello studio è senza precedenti e mostra quanto velocemente i ghiacciai abbiano perso spessore e massa negli ultimi due decenni.

Quello che una volta era il ghiaccio permanente è diminuito di volume in quasi tutte le parti del mondo. Tra il 2000 e il 2019, i ghiacciai del mondo hanno perso in media un totale 1 miliardo di tonnellate di ghiaccio all’anno, una quantità che avrebbe potuto sommergere l’intera superficie della Svizzera sotto i sei metri d’acqua ogni anno. Anche la perdita di massa glaciale è aumentata notevolmente durante questo periodo.

Tra il 2000 e il 2004, i ghiacciai hanno perso 227 gigatonnellate di ghiaccio all’anno, ma tra il 2015 e il 2019 la massa persa è stata pari a 298 gigatonnellate all’anno. Lo scioglimento dei ghiacciai ha causato fino al 21% dell’innalzamento osservato del livello del mare durante questo periodo, circa 0,74 millimetri all’anno. Quasi la metà dell’innalzamento del livello del mare può essere attribuito all’espansione termica dell’acqua mentre si riscalda, e l’acqua di scioglimento dalle calotte glaciali della Groenlandia e dell’Antartide e i cambiamenti nello stoccaggio dell’acqua terrestre rappresentano il restante terzo.

Tra i ghiacciai che si sciolgono più rapidamente ci sono quelli dell’Alaska, dell’Islanda e delle Alpi. La situazione sta avendo anche un profondo effetto sui ghiacciai montuosi delle montagne del Pamir, dell’Hindu Kush e dell’Himalaya.

La situazione in Himalaya è particolarmente preoccupante“, spiega in un comunicato Romain Hugonnet, autore principale dello studio e ricercatore presso l’ETH di Zurigo e l’Università di Tolosa.

Durante la stagione secca, l’acqua di fusione dei ghiacciai è un’importante fonte che alimenta i principali corsi d’acqua come i fiumi Gange, Brahmaputra e Indo. In questo momento, questo aumento di scioglimento funge da cuscinetto per le persone che vivono nella regione, ma se la contrazione del i ghiacciai himalayani continuano ad accelerare, paesi popolosi come l’India e il Bangladesh potrebbero dover affrontare carenze di acqua o cibo entro pochi decenni“, aggiunge.

I risultati di questo studio possono essere modelli idrologici migliorati e utilizzati per fare previsioni più accurate su scala globale e locale, ad esempio, per stimare quanta acqua di disgelo dai ghiacciai himalayani può essere prevista nei prossimi decenni.

Con loro sorpresa, i ricercatori hanno anche identificato aree in cui i tassi di scioglimento sono diminuiti tra il 2000 e il 2019, come la costa orientale della Groenlandia e in Islanda e Scandinavia. Attribuiscono questo modello divergente a un’anomalia meteorologica nel Nord Atlantico che ha causato precipitazioni più elevate e temperature più basse tra il 2010 e il 2019, rallentando la perdita di ghiaccio.

Come base per lo studio, il team di ricerca ha utilizzato le immagini acquisite a bordo del satellite Terra della NASA, che è stato in orbita attorno alla Terra una volta ogni 100 minuti dal 1999 a un’altitudine di quasi 700 chilometri.

fonte@EuropaPress

Next Post

Samsung: Eredi pagano 9 miliardi di euro in tasse di successione

Gli eredi di Lee Kun-hee, il defunto presidente di Samsung, mercoledì hanno accettato di pagare più di 12 trilioni di won (8.930 milioni di euro circa) in tasse di successione, una cifra che rappresenta un nuovo record. Dopo la morte di Lee, lo scorso ottobre, all’età di 78 anni, ai […]
Samsung Eredi pagano 9 miliardi di euro in tasse di successione