Il caso Spotlight, preti pedofili e omertà della Chiesa Cattolica in un film

Eleonora Gitto

Esce il 18 febbraio il fil diretto da Thomas McCarthy Il caso Spotlight: storia di omertà della Chiesa e di abusi su minori da parte di preti cattolici.

Il film “Il caso Spotlight” è tratto da una storia vera. Nel 2002 un team di giornalisti del Boston Globe ha rivelato al mondo una drammatica verità: la Chiesa Cattolica sistematicamente protegge e copre i preti pedofili.

Oltre settanta sacerdoti locali si macchiarono di uno dei crimini più efferati: violenza e abusi su minori.

Appena arrivato da Miami per dirigere il Globe, il neodirettore Marty Baron, interpretato nel film da Liev Schreider, ordinò al team Spotlight di indagare su un prete accusato di aver abusato, nei suoi trent’anni di permanenza nella parrocchia locale, di decine e decine di bambini.

Era l’estate 2001. Il team, pur sapendo che a mettersi contro la Chiesa Cattolica correvano rischi enormi, decise lo stesso di andare in fondo alla vicenda.

E da qui, piano piano, scoperta dopo scoperta, diedero la stura a un vaso di Pandora dal quale saltò fuori di tutto.

La Chiesa Cattolica era colpevole di insabbiamenti reiterati. Una vicenda raccapricciante.

L’inchiesta all’epoca fu premiata con il prestigioso premio Pulitzer. Insomma, si tratta di un film denuncia assolutamente da non perdere.

Gli altri attori del cast sono Rachel McAdams, Mark Ruffalo, Michael Keaton, Stanley Tucci, Billy Crudup, John Slattery, Len Cariou, Jamey Sheridan.

Le sceneggiature sono state curate da Thomas McCarthy, Josh Singer, mentre le musiche sono state affidate a Howard Shore.

Next Post

Gene Simmons vuole vedere la performance di Elio e Le storie Tese

Non hanno vinto l’ultima edizione del Festival di Sanremo, e non erano neppure tra i preferiti fin dall’inizio, eppure ancora una volta hanno saputo attirare l’attenzione, con la loro canzone particolare fatta solo di ritornelli, e soprattutto per il look camaleontico che hanno cambiato per ogni esibizione. Nell’ultima puntata, quella […]