Il caso Taman Shud, un mistero mai risolto

Il mistero del caso Taman Shud ha sconcertato le forze dell’ordine e le agenzie di intelligence di tutto il mondo ormai da oltre mezzo secolo.

Chiamato anche “The Mystery of the Somerton Man“, questo caso irrisolto si riferisce ad un incidente avvenuto il 1° dicembre 1948 quando un cadavere maschile non identificato fu trovato alle 6:30 del mattino sulla riva della Somerton Beach di Adelaide, Australia.

La polizia ha trovato il suo corpo dopo che una manciata di vari testimoni aveva riferito di ciò che sospettavano fosse un uomo ubriaco o addormentato, sdraiato sulla sabbia con la testa appoggiata.

Era vestito con un bel abbigliamento europeo, ma tutte le etichette erano state deliberatamente strappate dai suoi vestiti, indicando un possibile tentativo di nascondere la sua identità. I suoi registri dentali non corrispondevano a nessuno conosciuto in Australia.

La polizia perquisì le tasche nel tentativo di trovare un tipo di identificazione, ma senza risultati; la loro ricerca produsse solo un biglietto dell’autobus già obliterato, un biglietto ferroviario di seconda classe inutilizzato, un pacchetto mezzo vuoto di gomme, alcune sigarette e una scatola di fiammiferi parzialmente vuota.

Dopo diversi tentativi falliti di confermare l’identità dell’uomo e la potenziale causa di morte, la polizia ha atteso l’autopsia.

Secondo Sir John Burton Cleland, un noto patologo dell’Università di Adelaide, il corpo dell’uomo aveva tutti i segni di una morte per avvelenamento, con una grave congestione nel fegato, nei reni e nel cervello.

La milza dell’uomo era ingrandita di circa tre volte le dimensioni normali e anche una quantità significativa di sangue si trovava nel suo stomaco.

È interessante notare che diversi esperti di tossicologia hanno tentato di determinare quale tipo di veleno è stato utilizzato, ma era completamente non rilevabile nel suo corpo.

Le autorità hanno giudicato la morte un suicidio avvenuta per mezzo di una sostanza velenosa sconosciuta, ma dopo un attento riesame del corpo da parte di Sir Cleland, un piccolo foglio arrotolato è stato scoperto in profondità in una piccola tasca all’interno dei pantaloni del defunto.

Il documento conteneva le parole “Taman Shud” (che significa “fine”, “finito” o “la fine” in persiano) stampate su di esso, e il retro era vuoto.

I funzionari delle biblioteche pubbliche furono in grado di determinare che la frase proveniva dal testo di una raccolta di poesie conosciuta come The Rubaiyat dal filosofo persiano Omar Khayyam.

La polizia ha condotto una campagna diffusa per trovare il libro da cui è stato strappato il testo, facendo circolare le immagini del pezzo di carta sulla stampa in tutta l’Australia.

Un uomo la cui identità è stata mantenuta anonima dalla polizia si è fatto avanti e ha rivelato di aver scoperto una copia molto rara di The Rubaiyat sul sedile posteriore della sua auto parcheggiata e sbloccata su Jetty Road a Genelg circa due settimane prima della scoperta del corpo .

L’uomo disse che non aveva idea che il libro avesse alcun legame con il caso fino a quando non lo lesse sul giornale.

Nel libro mancava la frase “Taman Shud” nell’ultima pagina e test microscopici hanno confermato che il piccolo pezzo di carta trovato nella tasca dei pantaloni dell’uomo di Somerton era effettivamente strappato dall’ultima pagina del libro.

Cinque righe di lettere maiuscole sono state scarabocchiate a matita in fondo al libro, delineando ciò che le autorità hanno valutato come un qualche tipo di codice.

Gli investigatori hanno inizialmente ipotizzato che le linee rappresentassero una lingua straniera, ma ciò è stato successivamente escluso a favore di un qualche tipo di codice o messaggio crittografico. Le cinque righe sono le seguenti:

WRGOABABD

MLIAOI (questa seconda riga è stata cancellata nel messaggio originale, indicando un possibile errore dovuto alla sua somiglianza con la riga 4)

WTBIMPANETP

MLIABOAIAQC

ITTMTSAMSTGAB

Sul retro del libro è stato anche scritto un numero di telefono, che la polizia ha scoperto in seguito apparteneva ad una donna che risiedeva in Moseley Street a Glenelg, a circa un quarto di miglio dal luogo in cui è stato scoperto il corpo. (Nota a margine: Glenelg era anche la destinazione elencata sul biglietto dell’autobus trovato nella tasca dell’uomo di Somerton.)

Dopo essere stata interrogata dalla polizia, ha dichiarato di possedere una copia di The Rubaiyat durante il periodo in cui ha lavorato come infermiera presso il Royal North Shore Hospital (a Sidney) durante la seconda guerra mondiale, ma di averne dato una copia ad un tenente dell’esercito australiano di nome Alfred Boxall nel 1945.

La polizia era ormai certa che il morto potesse essere identificato come Alfred Boxall, fino a quando il vero Alfred Boxall è emerso in seguito con una copia diversa di The Rubaiyat (un’edizione del 1942), con l’ultima pagina contenente la fase “Taman Shud” intatta!

La donna aveva sempre confermato di non avere alcun legame con il morto scoperto sulla spiaggia di Somerton. Ha chiesto di rimanere anonima visto che era appena sposata con un bambino e non voleva essere associata ad un mistero di omicidio o suicidio.

Sorprendentemente, la polizia ha accettato di concedere il suo anonimato, anche se è stata considerata la migliore guida nel caso.

Fino ad oggi, l’identità dell’uomo Somerton non è stata ancora confermata e il significato della cifra (se presente) non è stato determinato.

Molti hanno ipotizzato che l’uomo misterioso potrebbe essere stato un qualche tipo di spia dalla sua morte avvenuta durante un periodo particolarmente intenso della Guerra Fredda.

Numerosi specialisti dell’intelligence, crittoanalisti, matematici e astrologi hanno tentato di decifrare il codice, ma nessuno ha ancora avuto successo.

Forse l’enigma del caso Taman Shud non sarà mai risolto, ma porta ancora un’aria di mistero e intrighi che affascina le persone di tutto il mondo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Hostess United vieta lattina a una musulmana

Stati Uniti. Una bufera di polemiche scatenate dal comportamento di una hostess…

Banane colpite da fungo killer: rischio estinzione

Il frutto più mangiato al mondo sarebbe a rischio di estinzione; stiamo…