Inaugurata al Bambino Gesù l’Astro-Tac per i più piccoli

L’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma offre ai suoi piccoli pazienti le cure migliori che si possono trovare in tutto il paese, e grazie ai proventi della campagna “Ospedale senza dolore” ha potuto acquistare e inaugurare un nuovo macchinario che va a incrementare ulteriormente l’offerta della struttura ospedaliera.

La nuova “Astro-Tac” del Bambino Gesù è una vera e propria base spaziale, nella sede di Palidoro, per trasportare nel mondo della fantasia e dell’immaginazione i piccoli pazienti dell’Ospedale Pediatrico in procinto di sottoporsi all’esame diagnostico. La “base spaziale” di Palidoro si sviluppa su una superficie di 280 metri quadrati. I lavori, durati 7 mesi, hanno previsto la riqualificazione funzionale del Dipartimento di Radiologia e la realizzazione di un nuovo corpo di fabbrica. Tre gli ambienti principali: una sala TAC con adiacente locale tecnico e sala comandi; un’ampia recovery room e una sala d’attesa.

L’Astro-Tac è inoltre un macchinario diagnostico di ultima generazione che consente, grazie alla velocità di acquisizione dati, di ridurre significativamente il ricorso all’anestesia negli esami pediatrici, limitando le sensazioni di pericolo, inquietudine, paura e dolore. Due volte più performante delle normali TAC, il nuovo macchinario produce immagini ad altissima risoluzione, irradia un bassissimo dosaggio di raggi X e rende possibile la visualizzazione dettagliata non solo degli organi interni del corpo umano, ma anche delle strutture vascolari.

Potrebbero interessarti

Seu la malattia che ha sconfitto la piccola Carlotta

La SEU è tecnicamente la sindrome emolitico-uremica, un virus legato principalmente a…

Roma, convegno sui falsi miti dei vaccini

Ormai sta diventando una tendenza in continua crescita, una delle “mode” più…

Vaccinazioni, per i primi due anni si potrà andare a scuola lo stesso

Vaccinazioni obbligatorie, per i primi due anni si potrà andare a scuola…

Torino, all’ospedale Molinette un sospetto contagio di ebola

Da alcune settimane la paura sembrava svanita: i casi di ebola erano…