Intelligenza artificiale finirà per hackerare i nostri cervelli

Redazione

Il famoso scrittore e filosofo Yuval Harari, autore di Sapiens: A Brief History of Humanity, avverte che l’umanità tenere sotto controllo l’IA (Intelligenza Artificiale), o le grandi aziende saranno in grado di “hackerare” le persone.

Secondo Harari, il rapido sviluppo dell’intelligenza artificiale può formare una popolazione di terrestri “hackerati, o quelli di cui le corporazioni sanno tutto e manipolano la loro volontà.

Alla radice del problema c’è la proliferazione di società tecnologiche, le cui aziende accumulano enormi quantità di dati sui propri utenti.

Harari teme che i cittadini forniscano sempre più informazioni sulle loro vite personali alle aziende e non si preoccupino dei propri interessi.

Intelligenza artificiale finira per hackerare i nostri cervelli

Netflix indica cosa guardare, Amazon cosa comprare“, ha detto lo scrittore in un’intervista. “Guarda, dopo un paio di decenni, questi programmi ci mostreranno cosa imparare nelle scuole e nelle università, con chi lavorare, chi sposare e chi votare alle elezioni“.

Harari esorta a prendere sul serio le minacce dell’IA, ad adottare rigide restrizioni in materia e a non utilizzare le informazioni per manipolare la società.

Inoltre, una serie di dati non può essere archiviata in un unico repository. Secondo Harari, questo porterà a una dittatura.

fonte@Esoreiter

Next Post

Gli smartphone possono causare demenza digitale

L’uso costante dei telefoni può causare la demenza digitale, lo ha affermato Manfred Spitzer, neuroscienziato e capo del dipartimento di psichiatria dell’Università di Ulm, esperto freelance presso la clinica Verba Mayr. Gli smartphone ci semplificano la vita, ma per questo motivo il carico sul cervello diminuisce. In assenza di un […]
Gli smartphone possono causare demenza digitale