James Webb Space Telescope, sarà lui a svelarci la vita aliena
James Webb Space Telescope sara lui a svelarci la vita aliena

Gli astronomi potrebbero utilizzare il telescopio James Webb della NASA per iniziare a cercare la vita su mondi rocciosi che orbitano attorno a stelle morte.

Il potente James Webb Space Telescope (JWST) previsto per il lancio il prossimo anno, sarà utilizzato per analizzare la biosignatura, tracce di vita, dei pianeti. La NASA utilizzerà lo strumento per cercare la vita nel cosmo, o almeno quello sarà uno dei suoi scopi.

Ora, la ricerca ha trovato che il posto migliore dove cercare la biosignatura è su pianeti rocciosi in orbita attorno a stelle bianche nane.

Le nane bianche sono stelle morte che si sono ridotte – un destino che attende il nostro Sole tra circa cinque miliardi di anni.

Mentre si restringono, attirano dentro il materiale vicino. Poiché le nane bianche sono molto più deboli, gli scienziati possono analizzare i materiali senza la luminosità di una stella relativamente nuova.

Inoltre, le stelle bianche nane sono in genere più vecchie di altre, il che significa logicamente che la vita ha avuto maggiori possibilità di evolversi nel corso di miliardi di anni.

James Webb Telescope, svelerà i segreti dell’universo (Foto@Wikimedia)

Un nuovo studio pubblicato su Astrophysical Journal Letters ha anche affermato che i pianeti attorno a queste stelle hanno maggiori probabilità di essere rocciosi e simili alla Terra.

Lisa Kaltenegger, professore associato di astronomia presso il College of Arts and Sciences e direttore del Carl Sagan Institute, ha dichiarato: “I pianeti rocciosi attorno alle nane bianche, sono candidati interessanti da caratterizzare perché i loro ospiti non sono molto più grandi dei pianeti delle dimensioni della Terra“.

Volevamo sapere se la luce di una nana bianca, una stella morta da tempo, ci avrebbe permesso di individuare la vita nell’atmosfera di un pianeta se fosse presente“.

Se trovassimo segni di vita su pianeti in orbita sotto la luce di stelle morte da tempo, la prossima domanda interessante sarebbe se la vita è sopravvissuta alla morte della stella o ricominciata da capo in una seconda genesi“.

JWST deve ancora essere sottoposto a test prima del suo lancio programmato nel 2021, quando sostituirà il vecchio telescopio Hubble come primo set di occhi sul cielo.

Gli scienziati sono ottimisti sul fatto che JWST aiuterà a svelare i misteri dell’Universo e potenzialmente a trovare la vita aliena.

La macchina a infrarossi è così potente che punterà ai regni più lontani e ai primi momenti dello spazio e del tempo.

E il JWST, che prende il nome dal secondo amministratore della NASA James Webb, che ha servito dal 1961 al 1968 e che ha svolto un ruolo importante nelle missioni Apollo, ha la capacità di scansionare migliaia di pianeti per la vita aliena – anche se quei pianeti sono migliaia di luce -anni di distanza.

Loading...
Potrebbero interessarti

Samsung Galaxy S7 Edge, premio come display dell’anno

Il Samsung Galaxy S7 Edge, originariamente rilasciato il 12 marzo 2016, ha…

Garmin Drive, un navigatore per compagno di viaggio

I navigatori satellitari della gamma Garmin Drive sono compagni di viaggio dalle…