La conoscete la vera storia di Cappuccetto Rosso?

Redazione

Ci sono storie talmente celebri che le conosciamo proprio tutti. Un esempio?

Tutti noi abbiamo sentito almeno una volta la storia di Cappuccetto Rosso, l’abbiamo letta o abbiamo visto una delle sue numerose trasposizioni filmiche e animate.

Ma ben pochi sanno che la storia, così come la conosciamo noi, è lontana dalla versione originale, quella ben più cruda ed “educativa” di molti secoli fa.

Storia antichissima, tramandata oralmente, il primo a metterla per iscritto fu Charles Perrault che nel 1697 la incluse alla sua collezione di racconti popolari. 

Innanzitutto nella versione originale la protagonista non è una bambina, ma un’adolescente, una giovane appena entrata nel mondo degli adulti, e difatti il cappuccio rosso è simbolo del ciclo mestruale.

La conoscete la vera storia di Cappuccetto Rosso

La giovane, come nella versione da noi conosciuta, attraversa il bosco e si reca dalla nonna, che nel frattempo è stata divorata dal lupo.

Ma, in casa, il lupo travestito da nonna la invita a cena: qui la giovane mangia della carne, che non sa essere proprio della nonna, macchiandosi quindi del peccato di cannibalismo.

Vi sono inoltre espliciti riferimenti sessuali: Cappuccetto viene indotta dal lupo a togliersi i vestiti e giacere nel letto insieme a lui.

Alla fine la stessa giovane diventa pasto del lupo. La morale è quindi chiara: le giovani devono imparare a difendersi dai “lupi” che si camuffano bene ma sono pronti ad approfittarsi della loro innocenza.

Next Post

Cuccarini, duro attacco a Matano nell’addio a “La Vita in diretta”

Nella vita si è costretti a dire addio più volte, a voltare pagina, a lasciare per scelta propria o altrui, ma la differenza lo fa il modo di reagire. C’è chi fa buon viso a cattivo gioco e chi, al contrario, decide di tirare fuori tutto l’astio tenuto a lungo […]
Cuccarini duro attacco a Matano