La foto di famiglia utilizzata per una pubblicità di morte per coronavirus

Redazione

Una mamma ha visto profondamente violata la sua privacy, dopo aver individuato la pubblicità che afferma che la famiglia, nell’immagine utilizzata, è morta di coronavirus.

Sara Ancich non è riuscita a credere ai suoi occhi quando ha notato un annuncio su Facebook che sosteneva che la sua famiglia fosse morta dopo aver contratto il coronavirus.

La mamma si è sentita “sconvolta e violata” dopo aver visto una foto della sua famiglia usata in un annuncio online per annunciare un intero nucleo familiare morto.

Sara Ancich ha trascorso giorni a occuparsi delle chiamate preoccupate di familiari e amici che hanno visto il post di Facebook.

Lo scatto era stato fatto per la famiglia da inviare come biglietto di auguri, ma era stato utilizzato come parte di un video per pubblicizzare mascherine contro il virus.

La foto di famiglia utilizzata per una pubblicita di morte per coronavirus
La madre che ha segnalato l’incredibile episodio (foto@wwnytv.com)

Ha detto a WVLT : “Chi ha avuto l’idea, senza conoscere chiaramente una famiglia, che erano morti? È stato sconvolgente. È una violazione. Non so come avrei potuto impedirlo o avrei potuto farlo.

L’immagine era stata usata come parte di un video, che mostra un ragazzo che si definisce unico sopravvissuto della famiglia di Los Angeles.

Comunque Sara non ha idea di chi sia il ragazzo. La società che produce le mascherine afferma che le sue mascherine hanno i respiratori più efficienti sul mercato e che sono stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA).

La FDA ha affermato che questa affermazione non è vera.

Nel disperato tentativo di capire da dove provenisse l’immagine, Sara ha iniziato a fare delle ricerche ed ha ritrovato la foto, ha anche provato a segnalare il tutto all’assistenza Facebook, ma l’annuncio sponsorizzato ha continuato ad apparire per diverse settimane, per poi essere rimosso.

Next Post

Produttore di bunker rivela: mancano 30 giorni poi non ci saranno regole

L’imprenditore Robert Vicino, la cui azienda crea bunker, ha dichiarato in un’intervista per France 24 che mancano 30 giorni all’anarchia più totale e che stanno avvenendo cambiamenti significativi nella società. Tra un mese, la scarsità di cibo comincerà ad affliggere parecchie nazioni e soprattutto gli Stati Uniti, secondo Vicino. France […]
Produttore di bunker rivela mancano 30 giorni poi non ci saranno regole