La masticazione ha cambiato l’evoluzione umana

Redazione

Sapevi che gli esseri umani passano in media 35 minuti al giorno a masticare, in pratica una settimana intera per ogni anno.

La masticazione ha cambiato evoluzione umana
foto@depositphotos.com

Uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances esplora quanta energia le persone usano durante la masticazione e come questo possa aver formato la nostra graduale trasformazione in esseri umani moderni.

La masticazione, oltre a impedirci di soffocare, rende anche l’energia e i nutrienti negli alimenti più accessibili all’apparato digerente. Ma l’atto di masticare ci costringe a spendere energia. L’adattamento dei denti, delle mascelle e dei muscoli gioca un ruolo nell’efficienza della masticazione.

Adam van Kastern, autore del nuovo studio e ricercatore associato all’Università di Manchester in Inghilterra, afferma che gli scienziati non hanno approfondito i costi energetici della masticazione, in parte perché rispetto ad altre cose che facciamo, come camminare o correre, è una fetta più sottile della torta energetica.

Ma anche benefici relativamente piccoli possono svolgere un ruolo importante nello sviluppo e voleva sapere se poteva essere il caso della masticazione.

Per misurare l’energia necessaria per la masticazione, il dottor Van Castren ei suoi colleghi hanno dotato i partecipanti allo studio nei Paesi Bassi con involucri di plastica. I cappucci sono stati attaccati ai tubi per misurare l’ossigeno e l’anidride carbonica dalla respirazione.

Poiché i processi metabolici sono alimentati dall’ossigeno e producono anidride carbonica, lo scambio di gas può essere un’utile misura di quanta energia sta consumando qualcosa. Quindi i ricercatori hanno somministrato ai soggetti una gomma da masticare.

Le basi di gomma da masticare erano insapore e inodore. Gli organi digestivi rispondono a sapori e aromi. Quindi i ricercatori volevano assicurarsi che stessero solo misurando l’energia associata alla masticazione e non l’energia dello stomaco per prepararsi per un pasto gustoso.

I soggetti hanno masticato due gomme, una dura e una morbida, per 15 minuti ciascuna. I risultati hanno sorpreso i ricercatori. Le gengive morbide hanno aumentato il tasso metabolico dei partecipanti del 10% in più rispetto a riposo; Le gengive dure provocano un aumento del 15%.

Pensavo che non sarebbe stata una grande differenza“, ha detto il dottor Van Kastern. “Modifiche molto piccole nelle proprietà fisiche dell’oggetto che stai masticando possono portare a un aumento molto grande del dispendio energetico e questo apre un intero mondo di domande“.

Poiché masticare cibi più duri, come in questo caso, gomme dure, consuma molta più energia, questi risultati suggeriscono che i costi metabolici della masticazione potrebbero aver giocato un ruolo importante nella nostra evoluzione.

Rendere il cibo più facile da elaborare attraverso la cottura, la frantumazione del cibo con gli strumenti e la coltivazione di colture ottimizzate per il consumo potrebbe aver ridotto la pressione evolutiva per noi per essere ottimi masticatori. Le nostre mutevoli esigenze di masticazione potrebbero aver modellato l’aspetto dei nostri volti.

“Una delle cose che non siamo stati davvero in grado di capire è perché il teschio è così divertente”, ha detto Justin Ledugar, un antropologo biologico della East Tennessee State University, che non è stato coinvolto nell’intervista. Rispetto ai nostri parenti più stretti, i nostri scheletri facciali sono costruiti con precisione utilizzando mascelle, denti e muscoli masticatori relativamente piccoli. “Tutto questo riflette una ridotta dipendenza dalla masticazione forzata”, ha spiegato.

LEGGI Mettere in pratica la teoria della relatività speciale
Ma, ha aggiunto, le nostre facce piatte e le mascelle corte ci consentono di mordere in modo più efficace. “Rende l’intero processo di alimentazione meno costoso in termini di metabolismo”, ha detto il dottor Ledugar. Gli esseri umani hanno sviluppato modi per masticare in modo più intelligente e non con maggiore difficoltà. Il dottor Van Kastern, che spera di continuare la sua ricerca usando cibo vero, dice di essere entusiasta della possibilità di saperne di più sull’evoluzione umana.

“Conoscere le ragioni ambientali, sociali e nutrizionali che ci hanno portato a questo punto è molto interessante per me”, ha detto, “perché consente all’umanità di “cercare di trovare il sentiero nebbioso che ci attend

Next Post

La Cina si prepara alla pioggia artificiale

La Cina avrebbe deciso di proteggere i raccolti di questi mesi di siccità, attraverso sostanze chimiche che creeranno una pioggia artificiale. L’estate più calda e secca in Cina ha portato all’appassimento dei raccolti e ad una significativa diminuzione del livello dell’acqua nei bacini idrici. Le fabbriche nella provincia di Sichuan […]
La Cina si prepara alla pioggia artificiale