La perdita dell’olfatto non è solo un sintomo Covid

Redazione

L’anosmia è stata portata alla luce dall’epidemia di Covid-19 che circola attualmente. Si tratta in pratica della perdita dell’olfatto e può essere una delle conseguenze della contaminazione da SARS-CoV-2. Diversi studi dimostrano che questo sintomo può anche essere uno dei segni premonitori della malattia dell’Alzheimer.

La perdita olfatto non solo un sintomo Covid

Nel 2013, un team dell’Università della Florida ha condotto un esperimento insolito: un test a base di burro di arachidi per rilevare la malattia di Alzheimer. I partecipanti sono stati bendati quando hanno sentito l’odore del burro di arachidi. I ricercatori hanno scoperto che le persone con malattia di Alzheimer avevano più disturbi dell’odore, rispetto al resto dei partecipanti, il loro senso dell’olfatto era squilibrato tra le due narici. Radio Canada cita uno studio del 2020, condotto in Cina, i cui risultati sono simili. In esso, gli scienziati hanno notato che le persone con declino cognitivo o malattia di Alzheimer hanno più difficoltà a rilevare gli odori, rispetto al resto della popolazione.

Per Charles Ramassamy, ricercatore presso il Canadian National Scientific Research Institute, questi studi sono un primo passo verso una migliore comprensione dei primi segni della malattia , ma dobbiamo andare oltre. “L’obiettivo è andare a vedere a monte della malattia, fino a quando potremo tornare indietro nel tempo per trovare questa disfunzione, che potrebbe essere predittiva della malattia qualche anno prima, 5 o 10 anni prima della malattia. Morbo di Alzheimer” ha riferito.

La perdita dell’olfatto, o la sua disfunzione, sarebbe il risultato di un danno cerebrale causato dalla malattia di Alzheimer. “I meccanismi nel cervello potrebbero iniziare 10, 20, 30 anni prima dei primi sintomi” , specifica il dottor Ramassamy. “Più possiamo identificare i primi marcatori nel tempo, più possiamo accendere una piccola luce rossa che lo farà dacci maggiori informazioni. dì di stare attento e possiamo fare ulteriori test per andare oltre.” I primi sintomi della malattia di solito si manifesta dopo 65 anni. Tuttavia, l’8% dei casi si dice che sia precoce, riguardano pazienti di età inferiore ai quarant’anni.

L’insorgenza di disturbi della memoria spesso allerta i pazienti e coloro che li circondano. Con il progredire della malattia, i malati si trovano generalmente ad affrontare un peggioramento dei loro disturbi, il che rende difficile svolgere le attività quotidiane o adattarsi a nuove situazioni.

Next Post

In Spagna le arance utilizzate per produrre energia elettrica

Nel sud della Spagna, precisamente a Siviglia la città che detiene il record per numero di aranci, ce ne sono così tanti che ogni anno tonnellate di frutti finiscono nella spazzatura. La città farà così affidamento su questi rifiuti per produrre elettricità. Originarie dell’Asia, le arance sono state introdotte in […]
In Spagna le arance utilizzate per produrre energie elettrica