La stanza 420, un numero che molti hotel aboliscono

Molti hotel si rifiutano di avere un numero di camera 420 nella loro struttura.

In alcune strutture alberghiere infatti, è possibile alloggiare nella stanza 419 o alla 421 ma non alla 420 e c’è una particolare ragione.

Apparentemente molti hotel si rifiutano di avere un numero di stanza 420 e hanno inventato alcuni modi per aggirare il problema, come rivela il Mirror.

Ma principalmente ci viene da chiedere: perchè? La stanza 420 potrebbe incoraggiare gli ospiti a sostenere comportamenti non “consoni” ed è per questo che alcuni proprietari hanno eliminato il 420 o addirittura lo hanno modificato in 419+1.

Qual è il problema con questo numero? Non ci crederete ma tutto a che fare con la cannabis.

Qualche anno fa il 20 aprile è stata una data molto importante per chi era amante della cannabis e della marijuana, c’è stato infatti il Festival annuale internazionale della cannabis.

Il 420, viene pronunciato direttamente “four twenty“, i fumatori si sono riuniti alle 16.20 per chiedere ai governi di tutto il mondo di depenalizzare la marijuana come una droga dannosa.

Tutto questo all’interno di Nativ, il primo hotel “weed-friendly

Da allora il termine ha assunto un significato speciale per i consumatori di cannabis durante tutto l’anno ed è invece diventato una sorta di “incubo” per gli hotel e le strutture alberghiere.

Molti proprietari infatti, secondo quanto riportato dal Mirror, pare evitino di numerare la stanza 420 proprio per evitare che gli ospiti possano organizzare “riunioni” non volute, o addirittura che qualcuno rubi anche il numero della stanza come cimelio.

Potrebbero interessarti

Blood Moon: cosa c’è di vero in questa profezia per il 2019

Qual è la profezia della Blood Moon, è un segno della fine…

Danimarca, il Capodanno tra inchini e tuffi gelidi

Nelle scorse ore vi abbiamo raccontato come, aspettando il Capodanno, è usanza…

Piogge record negli Stati Uniti, vittime e danni

Stati Uniti. Delle abbondanti piogge si sono abbattute sul Texas e in…

USA, al Pentagono un sottosegretario gay: la rivoluzione di Obama

Un gay al Pentagono: la rivoluzione di Obama passa anche per la…