La Terra ha finito le risorse ieri, l’Italia già il 5 aprile
Un check-up completo del pianeta, dallo stato di salute dei ghiacci e delle foreste all’andamento della temperatura, fino al meteorologia e al livello dei mesi: a permetterlo sono i dati catturati dai satelliti europei per l’osservazione della Terra, presentati da oggi al 13 settembre in Scozia, a Edimburgo, nel convegno Living Planet.ANSA/ESA+++EDITORIAL USE ONLY – NO SALES+++

L’Earth Overshoot Day segna la data in cui la domanda annuale dell’umanità sulla natura è superiore a quello che la Terra può rigenerare in quell’anno: la brutta notizia per gli abitanti della Terra è che questo giorno è già stato raggiunto, precisamente ieri, e quindi da oggi in poi stiamo depredando il Pianeta, e immettendo in atmosfera una CO2 che non può essere assorbita.

Frutta e verdura, carne e pesce, acqua e legno: senza nessun limite, l’uomo in meno di otto mesi ha già usato quello che la Terra gli ha offerto generosamente per il 2015.

I costi di questa spesa ecologica, come affermano in una nota dal Global Footprint Network, stanno diventando sempre più evidenti di giorno in giorno, sotto forma di deforestazione, siccità, scarsità di acqua dolce, erosione del suolo, perdita di biodiversità e accumulo di anidride carbonica nell’atmosfera.

“L’Italia vive 4 volte al di sopra delle sue possibilità ma il guaio è che non ha consapevolezza del suo debito ecologico e senza consapevolezza si rischia di non correre ai ripari”: questo il commento al dato di Luca Mercalli.

Ma non è finita qui: secondo lo studioso il Belpaese ha raggiunto il suo ‘Overshoot Day’ in poco più di 3 mesi, il 5 aprile scorso: uh dato a dir poco allarmante.

1 comment
  1. Gli umani sono la razza più spregevole su tutto il pianeta! Consumiamo e basta, non ci prendiamo cura della nostra terra, pensando che ne abbiamo una sola…!?

Comments are closed.

Loading...
Potrebbero interessarti

Vodafone inaugura la prima connessione 5G

La compagnia telefonica Vodafone riesce ad ottenere il primato come prima ad…

Facebook si difende travolta da un nuovo scandalo sulla privacy

Facebook ce la sta mettendo tutta cercando di non sprofondare, ma i…