L’alcol fa bene solo dopo i 40 anni

Redazione

Un nuovo studio afferma che le persone di età compresa tra i 15 ed i 39 anni mettono a rischio la propria salute con l’alcol, una condizione che però cambia dopo i 40 anni.

alcol fa bene solo dopo i 40 anni
foto@depositphotos.com

L’alcol può fare bene oppure danneggiare il nostro organismo, dipende ovviamente dal consumo che ne facciamo, come spiega il sito news247. Spesso i risultati si contraddicono a vicenda.

Gli autori dello studio Global Burden of Diseases hanno tentato di fornire risposte chiare, con il più ampio sondaggio pertinente (che copre molti anni) mai intrapreso. Ha prodotto i dati più completi sulle cause di malattia e morte nel mondo.

Quattro anni fa, la stessa ricerca ha riportato che il consumo occasionale di alcol è dannoso per la salute e ha suggerito ai governi di sconsigliarlo.

Dopo la nuova analisi dei dati globali, i ricercatori hanno scoperto che i giovani corrono più rischi per la salute derivanti dal consumo di alcol rispetto agli anziani.

Laddove gli “anziani”, a partire dai 40 anni, le persone che non hanno malattie di base possono beneficiare di un consumo limitato di alcol.

Come si suol dire un bicchiere di vino al giorno fa bene, e si può ridurre anche il rischio di malattie cardiovascolari, ictus e diabete.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Lancet e sono la prima volta che viene segnalato il rischio di alcol, per regione geografica, età, sesso e anno.

Gli scienziati suggeriscono che le raccomandazioni globali sul consumo di alcol dovrebbero basarsi sull’età e sul luogo, con linee guida più rigide per gli uomini di età compresa tra i 15 ei 39 anni, che corrono il rischio maggiore di bere dannoso.

Gli autori spiegano: “Il nostro messaggio è semplice: i giovani non dovrebbero bere. Gli anziani possono trarre beneficio dal bere una piccola quantità. Sebbene possa essere irrealistico pensare che i giovani si astengano dall’alcol, è importante comunicare le ultime scoperte in modo che tutti abbiano tutte le informazioni a loro disposizione e prendano una decisione informata“.

Quanto alcol consuma la popolazione mondiale

Si stima che un totale di 1,34 miliardi di persone abbiano consumato quantità dannose di alcol nel 2020, secondo l’analisi dei modelli di consumo in 204 paesi. Il 59% aveva tra i 15 ei 39 anni.

Le prove hanno mostrato che non avevano benefici per la salute. Invece, la loro abitudine comportava rischi, inclusi danni legati all’alcol come incidenti stradali, ma anche rischi di suicidio e omicidio.

È stato riscontrato che il livello di alcol che potrebbe essere consumato senza aumentare i rischi per la salute aumenta con il passare degli anni.

Una bevanda tipica è un bicchiere di vino rosso da 100 ml con una gradazione alcolica del 13% o una lattina/bottiglia da 375 ml di birra con il 3,5% di alcol.

È diventato chiaro che per gli uomini di età compresa tra 15 e 39 anni, la quantità raccomandata di alcol prima della “perdita della salute” era solo 0,136 di una bevanda standard al giorno. Per le donne della stessa età, il “livello teorico minimo di esposizione al rischio” era pari a 1/4 di una bevanda standard al giorno (0,273).

Quanto possono bere gli ultra 40enni

Negli ultraquarantenni senza problemi di salute di base, bere una piccola quantità di alcol era associato ad alcuni benefici per la salute (ridotto rischio di cardiopatia ischemica, ictus e diabete). Tra i 40 e i 64 anni, i livelli di consumo sicuro variavano da circa metà bevanda standard al giorno a quasi due bevande standard.

Per le persone di età pari o superiore a 65 anni, il rischio di “perdita di salute a causa del consumo di alcol” viene raggiunto dopo aver bevuto poco più di tre drink standard al giorno.

In media, l’assunzione raccomandata di alcol per gli adulti sopra i 40 anni è rimasta bassa, con un picco di 1,87 bevande standard al giorno. Dopo di che, i rischi per la salute aumentano.

Next Post

La Cina sviluppa un casco per la censura

La Cina sta impiegando l’intelligenza artificiale e periti umani, per cercare immagini sul Web e valutare se contengano o meno contenuti espliciti considerati illegali. I ricercatori dell’Università Jiaotong di Pechino hanno ideato una tecnica per rendere più facile la valutazione. Per essere più esatti, il casco anti-porno, o elmetto ricoperto […]
La Cina sviluppa un elmetto per la censura