Le Iene raccontano la terribile pratica del Blue Whale

Negli ultimi anni se ne sono viste tante di mode dementi, che hanno spopolato grazie alla rete, ma forse mai nessuna è stata così incredibile e terribile come quella denominata Blue Whale.

Un “challenge” macabro che ha sconvolto gli spettatori de “Le Iene” nella puntata del 14 maggio mettendoli di fronte a una realtà che coinvolge ragazzi sempre più giovani attraverso regole dettate da sconosciuti tramite i social network.

La pratica potrebbe essere tradotta come ‘Il Gioco della Balena Blu’, una pratica che non ha nulla a che fare con un ‘gioco’.

Si tratta più di un percorso, un macabro rituale che ha preso il via dalla Russia e ha già portato alla morte diverse centinaia di bambini.

50 giorni di agonia, 50 sfide, nelle quali le vittime, per lo più ragazzini dai 9 ai 17 anni, arrivano ad infliggersi autolesioni, a subire un vero e proprio brainwash da parte di un tutor (il curatore) e in fine a suicidarsi.

Matteo Viviani ha intervistato due madri che hanno perso le loro figlie a causa di questo crudele gioco: entrambe sono rimaste senza parole dinanzi alla morte delle loro bambine, non avevano sospettato niente anche perché le ragazze erano piene di vita e di interessi e, in effetti, una delle regole del gioco è proprio quella di comportarsi come se niente stesse cambiando, senza dire nulla a nessuno e andando avanti,

Il “gioco” purtroppo è arrivato anche in Italia: un bambino di 15 anni si è tolto la vita a Livorno. La testimonianza dei compagni di classe è agghiacciante: il ragazzino ha seguito le regole del gioco, fino poi a lanciarsi dal palazzo più alto della città.

La polizia Russa che indaga da un paio di anni su questi strani suicidi è arrivata alla conclusione che in questo gioco,  il gioco della balena che porta al suicidio, ci sono coinvolte delle persone colte che nella maggioranza dei casi hanno studiato psicologia o materie affini, persone che sanno come manipolare la mente dei bambini.

Le indagini condotte hanno portato ad arrestare solo uno dei tanti curatori sparsi in tutto il mondo: si chiama Budikin, ha studiato per 3 anni psicologia all’Università e quando gli hanno chiesto perché ha portato alla morte 16 ragazzi, ha risposto che così facendo ha pulito la società dagli scarti biologici.

Loading...
Potrebbero interessarti

Calabria, guest house rifiuta coppia omosessuale

Una vacanza finita male, o meglio non proprio iniziata, quella di una…

C’è Posta per Te, il ciclone Littizzetto manda la posta a Belen

La puntata di ieri sera, sabato 20 febbraio, di “C’è Posta per…