Smartphone, la presenza influenza le capacità cognitive
Smartphone le notifiche creano dipendenza

Anche solo passeggiando per strada possiamo notare centinaia di persone che incontriamo sul nostro cammino, intente a digitare messaggi, a parlare o anche a giocare con il proprio smartphone, ma secondo uno studio la sola presenza del nostro dispositivo mobile influenza negativamente le nostre capacità cognitive.

Lo smartphone riduce le nostre capacità cognitive: basta la sua presenza.

In effetti, il problema esiste, eccome. Accanto a noi, pressoché tutti i giorni e pressoché dappertutto, abbiamo un’estensione del nostro cervello; in un certo qual senso una surroga.

Qualcosa che ci tranquillizza perché supplisce alla nostra lentezza e alla nostra scarsità di memoria.

Un ausilio che sta diventando quasi indispensabile, perché ci tranquillizza: ci comunichiamo, lo usiamo come memoria, possiamo utilizzare le applicazioni registrate, ci aiuta a viaggiare e così un’infinità di altre cose.

Manca, come si dice di solito, che faccia anche il caffè, ma non è detto che nei prossimi anni non arrivi pure a questi livelli.

Oltretutto lo smartphone, in generale, è diventato talmente piccolo e leggero che può essere portato dappertutto. Tascabile, a scomparsa: basta dotarlo di una buona custodia per la sicurezza, e il gioco è fatto.

C’è l’unico grande limite della durata della batteria, ma col passare del tempo stanno migliorando considerevolmente anche quest’aspetto, tanto che sono molti device arrivano a funzionare, se non stressati eccessivamente, per un paio di giornate intere.

Alla fin fine è un compagno che combatte contro la nostra solitudine e i nostri limiti.

Anche se, qualcuno dice anche che genera solitudine e porta invece dei problemi seri. Quali? Per esempio il fattore distrazione. Se siamo in macchina, oppure stiamo svolgendo un qualsiasi lavoro o incarico, ci distraiamo facilmente con questo aggeggio più o meno miracoloso.

Ma non solo: lo smartphone è anche in grado di diminuire le nostre capacità cognitive.

Almeno questa è la tesi di uno studio operato dalla prestigiosa Università del Texas, con sede ad Austin. Un test è stato effettuato su più di 500 giovanissimi.

A loro sono state sottoposte una serie di prove al fine di valutare le capacità di memorizzare al lavoro e la cosiddetta intelligenza fluida, vale a dire la capacità di pensare avvalendosi della logica di base e di risolvere problemi in determinate situazioni inattese.

I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi: il primo ha lasciato i cellulari in un’altra stanza, un altro ha lasciato il cellulare in tasca o in borsa, un altro ancora a faccia in giù sulla scrivania.

Paradossalmente è risultato che coloro che hanno lasciato gli smartphone in un altro ambiente, hanno raggiunto i risultati migliori.

Vuol dire che siamo dipendenti dal cellulare e che la sua prossimità inibisce in qualche misura le nostre capacità cognitive.

È come se ci rilassassimo troppo, ci affidassimo troppo allo smartphone e facessimo lavorare di meno il cervello. Realtà dura, ma realtà vera, purtroppo.

Potrebbero interessarti

Sigarette, aumentate le vendite in Italia dopo 10 anni

Verrà celebrata proprio oggi, domenica 31 maggio, la giornata mondiale senza tabacco…

Sindrome da shock tossico, 37enne rischia la vita per un assorbente interno

Paradossalmente si rischia la propria vita ogni giorno, guidando con poca attenzione…