Ma è davvero il caso di abbandonare WhatsApp?

Redazione

Whatsapp è la app di messaggistica più popolare in quasi tutto il mondo. Attraverso di essa, Facebook raccoglie molti dati personali degli utenti.

La app di messaggistica, che è utilizzata attivamente da oltre 2 miliardi di persone, è la più popolare nel mondo occidentale. Con WhatsApp non ci si messaggia solo ma si fa di tutto, si organizzano persino addii al celibato e si riuniscono i comitati dei genitori, qui informano gli amici su dove si trovano o si fanno videochiamate al telefono con i nonni. Più grande diventa la rete, più difficile è farne a meno.

Ma davvero il caso di abbandonare WhatsApp

Due cose hanno reso Whatsapp così incredibilmente popolare: ha sempre nuove funzionalità e non devi pagare nulla. Ciò è tanto più sorprendente se si considera che sette anni fa Mark Zuckerberg ha stanziato ben 19 miliardi di dollari per l’applicazione.

Molte persone non si sono mai chieste come intendesse effettivamente compensarsi di questi costi. Non sanno che nella Silicon Valley, e ancor di più a Palo Alto, nella sede di Facebook , c’è un principio: se ti viene offerto qualcosa gratuitamente, allora il prodotto sei tu. Servizi in cambio dei tuoi dati personali: questo è un accordo taciuto sulla rete.

L’altro giorno, un numero enorme di persone se ne è reso conto immediatamente quando, decidendo di visualizzare gli ultimi messaggi sui propri smartphone, ha improvvisamente visto un messaggio a schermo intero: “Whatsapp sta aggiornando i termini di servizio e la politica sulla privacy“. 

Facebook raccoglie dati personali su scala gigantesca

Ma Facebook tace sul fatto che la preoccupazione abbia accesso a un’enorme quantità di dati personali anche senza gli ultimi aggiornamenti. Si può scoprire con chi e a che ora del giorno stai scambiando messaggi o quale smartphone stai utilizzando. Ogni singola informazione può essere innocua, ma la somma di esse è un ritratto completo dell’utente con tutte le sue preferenze e caratteristiche mentali. Perché i cosiddetti metadati possono dirti molto di più su di te delle informazioni dirette.

Ad esempio, rivelano le relazioni tra le persone. Se scrivi a qualcuno alle tre del mattino, molto probabilmente hai un forte legame con quella persona. Con l’aiuto di dove ti trovi, puoi persino stabilire di avere una relazione con qualcuno senza leggere una parola al riguardo. Anche dall’analisi della rubrica sul telefono, Facebook può ottenere sistematicamente informazioni su chi siamo amici.

E così gli utenti stanno prendendo d’assalto i prodotti dei concorrenti di Whatsapp ora. Threema, Telegram, Signal: tutti festeggiano ora un aumento record del numero di utenti. Probabilmente Telegram ha beneficiato maggiormente dell’esodo di Whatsapp. Recentemente, il messenger ha superato il traguardo di 500 milioni di utenti. E questo nonostante questa applicazione non sia mai stata vista come vera alternativa.

Recentemente, Jürgen Schmidt, esperto di sicurezza presso il portale Heise, ha definito questa app un “incubo” quando si tratta di privacy. Le chat di gruppo non sono crittografate e i testi inseriti, a quanto pare, anche prima di essere inviati, vengono inviati ai server del messenger.

Allo stesso tempo, ha un’alternativa gratuita che offre tutte le funzioni di base del messenger ed è molto apprezzata dai difensori dei dati personali. Questo è Signal. Dietro l’applicazione non c’è un gigante di Internet che cerca di utilizzare i dati ottenuti per ottimizzare la pubblicità per i clienti, ma un fondo di pubblica utilità. È finanziato da Brian Acton, che una volta sviluppò Whatsapp e successivamente lo vendette a Facebook , di cui si rammarica ancora profondamente.

Il più famoso sostenitore dell’app Signal è Edward Snowden, che ha pubblicato diversi anni fa informazioni sul gigantesco programma di spionaggio dei servizi segreti americani e da allora è stato considerato un criminale di stato negli Stati Uniti. Quando gli viene chiesto perché preferisce il servizio di messaggistica di Signal, risponde brevemente che usa questa applicazione ogni giorno ed è ancora vivo. La migliore pubblicità, forse, non puoi immaginare.

fonte@Ordonews

Next Post

Residente in Cina congela la moglie per 50 anni

Un residente della provincia cinese dello Shandong ha congelato il corpo di sua moglie morta di cancro ai polmoni nella speranza di poterla resuscitare in futuro. La moglie di Gui Junmin, 49 anni, Zhan Wenlian, aveva un cancro ai polmoni. Quando stava morendo, Junming ha avuto l’idea di preservare il suo […]
Residente in Cina congela la moglie per 50 anni