Mel Gibson prova a tornare sulla vetta dell’Olimpo del cinema

È stato uno degli attori più apprezzati ed amati di tutti i tempi, con delle interpretazioni per il grande schermo assolutamente memorabili, ma allo stesso tempo ha vissuto dei momenti bui, nella carriera e nella vita privata, che lo hanno fatto sprofondare sempre più a fondo.

Dopo gli Oscar per Braveheart nel ‘95 la sua carriera era stata segnata dalla controversa Passione di Cristo, dalla delusione di Apocalypto e da altre polemiche, ma ora Mel Gibson è pronto a vivere un nuovo momento d’oro con “La battaglia di Hacksaw Ridge”.

Gibson ha diretto un film sulla incredibile storia di Desmond Doss, un “obiettore di coscienza”, antesignano dei movimenti degli anni Sessanta che portarono alla possibilità, nei paesi civili, di scegliere di rifiutare di svolgere il servizio militare e scegliere in alternativa un servizio civile.

Nominato a sei Oscar, Hacksaw Ridge è destinato a ritagliarsi un posto fra i classici del cinema di guerra hollywoodiano, in una linea che va dal Sergente York a Lettere da Iwo Jima di Clint Eastwood.

Articolato in tre lunghe sequenze girate con limpidezza e piglio epico, lo scenario bellico è mostrato in tutto il suo orrore e con il suo sguardo inquieto e il suo ispirato ribellismo Andrew Garfield, candidato come miglior attore, conferisce moderna sensibilità al personaggio.

Gli stessi Mel Gibson e Vince Vaughn saranno poi i protagonisti di Dragged Across Concrete, un thriller diretto dal regista S. Craig Zahler.

I due attori interpreteranno dei poliziotti che vengono sospesi dal lavoro quando emerge online un video che li mostra mentre usano metodi brutali e violenti. Gli agenti vengono quindi trascinati nel mondo del crimine per andare alla ricerca di vendetta.

Loading...
Potrebbero interessarti

Despacito è ormai diventata una hit in tutto il mondo

Uno dei più grandi successi commerciali di questi ultimi anni, nonché un…

Cristiano De Andrè: lite in piazza con la compagna

Cristiano De Andrè: lite in piazza con la compagna. Il tutto si…