Michael Jackson e gli abusi: spunta l’intervista alla sorella

Dopo l’uscita del documentario che accusa nuovamente Michael Jackson di abusi su minori, torna a galla anche una vecchia intervista a La Toya Jackson.

Il documentario Leaving Neverland, trasmesso sul Channel 4, ha lasciato gli spettatori infastiditi e a disagio per i presunti abusi da parte di Michael Jackson nei confronti di ragazzini.

Il documentario ripropone la storia di James Safechuck e Wade Robson, che hanno accusato il cantante di aver abusato dei loro bambini.

I rappresentati legali di Jackson hanno negato con veemenza le accuse, nel frattempo è emersa un’intervista del 1993 con LaToya Jackson che non sembra essere colta di sorpresa dopo le affermazioni di un altro bambino.

Questo è molto difficile per me, perché Michael era mio fratello e io lo amo molto“, risponde alle domande La Toya.

Ma non posso, e non sarò un collaboratore silenzioso dei suoi crimini contro bambini piccoli e innocenti“.

Ho visto assegni firmati ai genitori di questi bambini“.

LaToya stava parlando dopo che il papà di Jordy Chandler, 13 anni, aveva accusato Jackson di molestare suo figlio nel 1993.

Nessuna accusa criminale è stata avanzata dopo che il cantante ha concordato un accordo extragiudiziale con la famiglia.

Nella clip, La Toya ha poi chiesto agli spettatori che cosa un uomo di 35 anni può fare trascorrendo lunghi periodi di tempo con ragazzi giovani.

Quanti di voi là fuori hanno 35 anni? Quanti avrebbero portato i bambini piccoli da una persona adulta? Che hanno nove, dieci, undici anni? Amo mio fratello ma è sbagliato.

Il regista del documentario Dan Reed è convinto che le persone potrebbero farsi avanti con nuove accuse a seguito del suo controverso film.

Michael Jackson ha negato qualsiasi azione illecita prima della sua morte nel 2009, a 50 anni, e fu assolto da 14 accuse di abuso dopo un processo nel 2005.

Il Daily Star Online ha contattato Howard Weitzman, un avvocato che rappresenta la tenuta di Jackson, per un commento sulle accuse fatte nel documentario, ma non ha ricevuto risposta.

Intanto i rappresentati legali hanno rilasciato una dichiarazione a nome della sua famiglia che si occupa delle affermazioni dopo che il film è stato proiettato al Sundance.

I creatori di questo film non erano interessati alla verità“, si legge.

Non hanno mai intervistato una sola persona che conoscesse Michael tranne i due spergiuri e le loro famiglie. Questo non è giornalismo, e non è giusto, tuttavia i media stanno perpetuando queste storie“.

Ma la verità è dalla nostra parte, fai le tue ricerche su questi opportunisti, i fatti non mentono, le persone lo fanno, Michael Jackson era e sarà sempre innocente al 100% di queste false accuse“.

fonte@DailyStar

Loading...
Potrebbero interessarti

Aldo Montano: trepidante attesa di diventare papà

Le emozioni forti nella vita e nella carriera non gli sono certo…

Kit Harington, Rose Leslie e Sophie Turner insieme a Los Angeles

Kit Harington, Rose Leslie e Sophie Turner sono arrivati insieme all’aeroporto di…