Microsoft punta a ricreare cloni virtuali dei defunti

Redazione

La società americana Microsoft ha sviluppato e brevettato una tecnologia che consentirà di creare chat bot basati su informazioni delle persone e sui loro parametri biologici.

In teoria, il sistema è in grado di imitare la comunicazione con qualsiasi persona, anche i defunti.

Microsoft ha creato una tecnologia progettata per migliorare notevolmente i chatbot vocali esistenti che interagiscono con gli utenti. Per fare ciò, il sistema deve raccogliere fotografie di persone, registrazioni delle loro voci, messaggi sui social network ed e-mail. Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, tutti questi dati verranno elaborati e, di conseguenza, l’algoritmo sarà in grado di imitare in modo abbastanza affidabile lo stile di comunicazione di una persona nei social network e costruire modelli vocali che lo copiano completamente.

Il sistema può essere utilizzato, tra le altre cose, per creare bot di chat vocale che copiano completamente lo stile di comunicazione delle persone decedute, creando così il loro clone virtuale, con il quale è possibile comunicare per corrispondenza e persino parlare. È vero, Microsoft mantiene segreto lo scopo di questa tecnologia. Se viene utilizzato per creare cloni di persone morte, molti paesi dovranno rivedere la legislazione attuale nella parte che garantisce la privacy dopo la morte.

foto@Flickr

Tuttavia, la tecnologia può anche essere utilizzata per creare cloni virtuali di persone viventi, che, a loro volta, possono provocare un’ondata di crimini informatici. In Corea del Sud, l’eroina del popolare programma televisivo Meeting You è la madre di molti bambini, Chang Ji-Sung, la cui figlia Nyon è morta quattro anni fa. Per darle l’opportunità di “rivedere” sua figlia, i programmatori per otto mesi hanno creato un modello digitale della ragazza e lo hanno trasferito alla realtà virtuale, ricreando anche la voce della bambina.

Successivamente, è stato creato un modello del parco, in cui la madre e la figlia spesso camminavano, e poi, come parte dello show televisivo, Chang Ji-Sun e Nyon sono stati temporaneamente “riuniti”. 

Nel mondo virtuale, madre e figlia hanno fatto una passeggiata, hanno festeggiato il “compleanno” di Nyon e, durante la separazione, la ragazza ha chiesto a sua madre di non piangere più la sua morte. Durante “l’incontro virtuale“, guanti speciali hanno imitato il “tocco” della mano del bambino, così Chang Ji-Sung ha avuto l’opportunità di “toccare” sua figlia.

Next Post

Sangue di Cristo era davvero in un'antica reliquia?

Nel cristianesimo, l’Eucaristia, nota anche come Santa Comunione, è un rito considerato un sacramento nella maggior parte delle chiese. Secondo il Nuovo Testamento, il rituale fu istituito da Gesù Cristo durante l’Ultima Cena. Durante questi momenti si sarebbero verificati numerosi miracoli, di solito costituiti da fenomeni inspiegabili come le ostie consacrate che si trasformano […]
Sangue di Cristo era davvero in un antica reliquia