Muore, torna indietro e spiega: saremo immortali
Muore torna indietro e spiega saremo immortali

La vita dopo la morte, una domanda che ha sempre affascinato l’uomo: Cosa c’è in realtà dopo la morte?

Un uomo, clinicamente morto, ora afferma di non aver paura di morire poiché crede nell’aldilà ci sarà “l’immortalità” ad aspettarlo dopo la morte.

La persona, di nome Todd, era in ospedale in cura per la polmonite quando ha sofferto di insufficienza multipla. Prima che i dottori potessero riportarlo in vita, Todd crede di avere avuto un’esperienza nell’aldilà, che secondo lui lo ha fatto diventare immortale.

Mentre era clinicamente morto, Todd disse di aver visto suo padre, che era morto un anno prima, che gli aveva offerto la possibilità di rimanere nel regno celeste.

Todd ha anche rivelato perché ora non ha paura di morire perché sa cosa lo sta aspettando dall’altra parte.

Uomo clinicamente morto torna indietro e rivela: C’è l’immortalità.

Scrivendo sulla Near Death Experience Research Foundation (NDERF), Todd ha rivelato: “Ho visto mio padre, che era morto l’anno prima. Era in una stanza luminosa e indossava un vestito giallo. Non ero in grado di vedere le pareti o i pavimenti“.

La cosa più vicina alla realtà che potevo descrivere è che sembrava ghiaccio secco con fumo abbastanza denso nell’aria. Mio padre mi ha detto: ‘Se vieni, andiamo.’ Quindi, ho fatto qualche passo verso di lui“.

Ma ho iniziato a pensare che quella frase fosse una scelta, quindi gli ho detto: ‘Aspetta! Ho la possibilità di scegliere di stare qui con te o tornare dai miei figli, dalla mamma, dai miei cani?’ Lui rispose: “Sì, sì.

Ho detto, ‘Devo rimanere sulla terra perché le persone hanno ancora bisogno di me.’ Lo pregai di tornare con me, ma lui disse: “Funziona solo in un modo. Non posso tornare indietro”. Ho ripetuto: “Devo tornare indietro”. Disse: “Va bene. Ci vediamo presto.

Mi sono svegliato in quel momento e ho detto a mia madre che avevo appena parlato con papà. Mi ha detto che ero stato incosciente per quasi due settimane“.

Ero stato su un tubo di respirazione molto vicino alla morte. Ha detto:” Tuo padre è morto un anno fa oggi “.

Questa esperienza è stata così reale, che non ho paura della morte e mi sento come se fossi già morto. Ho la libertà dell’immortalità anche dopo la morte del mio corpo.

Alcuni ricercatori ritengono che le visioni dell’aldilà siano un fenomeno normale e non necessariamente un segno di vita dopo la morte.

Il dott. Sam Parnia, direttore delle ricerche di terapia intensiva e di rianimazione alla NYU Langone School of Medicine di New York City, ha dichiarato in una conferenza: “Le persone descrivono la sensazione di una luce luminosa, calda e accogliente che attira le persone verso di essa“.

Descrivono la sensazione di incontrare i loro parenti defunti, quasi come se fossero venuti ad accoglierli“.

Spesso dicono che non volevano tornare in molti casi, è così comodo ed è come una calamita che li attira invogliandoli a non tornare“.

Molte persone descrivono la sensazione di separarsi da se stessi e di osservare medici e infermieri che lavorano su di loro“.

La dott.ssa Parnia ha affermato che ci sono spiegazioni scientifiche per la reazione e afferma che vedere le persone non è una prova dell’aldilà, ma è più probabile che il cervello stia provando una sorta di tecnica di sopravvivenza.

Loading...
Potrebbero interessarti

Quante persone vedi nella foto? Test visivo

Un nuovo test visivo da risolvere in pochi secondi. Questa è un’altra…

Covid-19 dimostra che non troveremo mai vita aliena

Tre cacciatori di alieni concordano sul fatto che mentre c’è indubbiamente una…