Nuoto, quali sono gli stili riconosciuti?
Nuoto quali sono gli stili riconosciuti

Ormai il caldo è arrivato ed è tempo di ripescare i costumi dall’armadio, per sdraiarsi al solleone e soprattutto farsi una bella nuotata, cullati dalle onde.

Molti di noi praticano nuoto a livello “amatoriale”, senza alcuno stile se non il proprio personale modo di stare a galla e arrabattarsi tra i cavalloni.

Ma in realtà esistono degli stili ben precisi, alcuni dei quali riconosciuti anche a livello agonistico ed olimpico.

A livello agonistico sono riconosciuti quattro differenti stili di nuoto: delfino, dorso, rana e stile libero.

La rana è uno stile simile al movimento dell’omonimo animale: consiste nel muovere le braccia in avanti formando come un cuore con la punta davanti e muovere le gambe formando un cerchio.

Il dorso è l’unico stile del nuoto che si esegue con il capo rivolto verso l’alto: una corretta esecuzione ne prevede la torsione del busto, su lati alterni, ad ogni bracciata.

Il Delfino, anche detto Farfalla, è invece lo stile che generalmente viene considerato più difficile, poiché richiede infatti perfetta coordinazione tra gambe e braccia: la totalità dei movimenti previsti segue una sorta di onda che origina dall’oscillazione del capo per spostarsi progressivamente, sul tronco sul bacino e sulle gambe.

Lo Stile libero, infine, non ha una tecnica precisa da seguire, quindi ogni nuotatore può personalizzare i suoi movimenti, anche se comunque si nuota sul petto con un movimento circolare continuo e alternato delle braccia, una battuta di gambe alternata e continua e respirando di lato.

Potrebbero interessarti

Kenya la volontaria italiana è ancora viva?

Momenti terribili per la famiglia, che aspetta notizie, ma anche molto frenetici…

Si fa annusare le ascelle e guadagna 1500 euro al mese

Riesce a guadagnare oltre 1500 euro al mese solo vendendo la sua…