Panico negli Stati Uniti, rischio epidemia di peste bubbonica

I primi casi sono stati registrati lo scorso aprile, ma nelle ultime settimane la situazione si è aggravata, con nuovi casi accertati, che stanno scatenando la psicosi: che negli Stati Uniti ci sia un imminente rischio di un’epidemia di peste bubbonica?

Finora sono stato colpiti sette stati: Utah, il Colorado, Arizona, New Mexico, California, Georgia e Oregon.

L’ultima vittima, nello Utah, era stato contagiato ai primi di agosto e aveva passato tempo di recente in aree rurali. Gli altri morti di peste nel corso dell’anno avevano 16, 52 e 79 anni. Secondo quanto riferito da Charla Haley, del dipartimento statale per la salute, è stata aperta un’inchiesta sulle origini del contagio.

Si tratta, comunque, del dodicesimo caso di peste bubbonica registrato dal primo aprile. Secondo l’epidemiologa JoDee Baker, l’ultima vittima potrebbe aver contratto il morbo attraverso delle pulci o entrando in contatto con un animale morto.

La peste bubbonica è al momento assente in Europa e in Australia, ma continua ancora a mietere vittime in Asia e in alcune zone dell’America e dell’Africa: secondo i dati dell’OMS, ogni anno si registrano dai 1000 ai 3000 casi di peste in tutto il mondo.

Next Post

Lg, una tastiera arrotolabile da portare sempre con sé

I tablet hanno avuto un grande successo eppure molto spesso non sono utilizzati appieno in tutte le loro potenzialità ed il perché è presto detto: digitare i tasti in maniera precisa è veloce, leggere le mail, scrivere velocemente e modificare un documento, non è affatto cosa semplice senza una tastiera […]