Povia, l’ultima canzone è una dura invettiva contro gli immigrati

Nei giorni scorsi, indossando la maglietta arancione “d’ordinanza”, Povia era a Pesaro assieme ad altre 40 mila persone, stando ai numeri diffusi dagli organizzatori, per protestare contro l’approvazione definitiva della legge che obbliga i genitori a vaccinare i figli, per poterli iscrivere ad asili nido e scuole di ogni ordine e grado.

Giuseppe Povia, dopo aver sostenuto in più occasione il connubio con l’autismo, si è detto con veemenza contro i vaccini. Non crediate per fede nella scienza, ma per “le migliaia di migranti e l’invasione di cibi scadenti che portano spesso virus e malattie”.

Se fossi un medico, un immunologo, andrei alla ricerca della verità. E invece spesso anche in questo senso c’è un deficit di credibilità, perché chi dice di farli con insistenza non sai se per convinzione o per paura di essere radiato, chi esprime perplessità viene radiato. Non entrando nel merito della medicina e della scienza, è dal 2011, quando il governo Berlusconi venne fatto cadere con un colpo di Stato ormai chiaro a tutti, che i governi che si sono succeduti stanno portando avanti un avanzamento di leggi, di vario genere, senza il consenso del popolo. Dal pareggio di bilancio, al fiscal compact e chi più ne ha più ne metta. Questo, in sostanza, è l’ennesimo decreto legge che sta facendo perdere tempo ai cittadini italiani, quando si dovrebbe parlare di altre cose, come la spesa-deficit per esempio, e dell’unico vero problema che è l’uscita dall’euro: bisognerebbe uscire per forza dall’euro, e non lo dico mica io ma i premi nobel”, aveva spiegato a IntelligoNews.

Una visione la sua che ha scatenato un mare di polemiche, ma che non lo ha certo scoraggiato, portandolo a compiere un altro, l’ennesimo, gesto “forte”, stavolta contro i migranti.

Povia in un video attacca gli immigrati senza mezzi termini: “La sostituzione degli italiani è in atto. Usano immigrati a basso prezzo, noi italiano scompariremo. Storia già vista. Matteo Salvini sto pezzo ti piacerà!” scrive il cantante in un post pubblicato su Facebook.

Il testo della nuova canzone, “Immigrazia” è assolutamente choc: “Immigrazia è una follia voluta da chi vuole che tu vada via. Immigrazia portami via. Per mandare avanti il Pil vogliono nuovi schiavi qui, gli immigrati di domani saranno i nuovi italiani. Oggi i figli sono molli perché siamo tutti molli. Mentre fissi il lampadario, ti fregano il salario. Non è mica colpa loro se c’è un disegno chiaro. E con la scusa del razzismo vogliono far fuori l’italiano” canta.

Questa la personalissima visione del fenomeno migratorio del cantautore milanese: il pubblico apprezzerà?

Next Post

Cherry Season, la fortunata serie sta per giungere alla conclusione

L’anno scorso, quando Mediaset lanciò la serie turca per riempire la programmazione estiva di Canale 5, non poteva immaginare il successo che avrebbe riscosso, ed invece, ad un anno di distanza, sono milioni i telespettatori che ogni giorno sono dinanzi allo schermo e commentano sui social le vicende amorose dei […]
cherry-season-conclusione