Rolling Stones, strepitoso concerto senza tempo a Lucca

Il concerto è stato uno spettacolo mozzafiato dal primo all’ultimo minuto, e nessuno, già alla vigilia, dubitava che sarebbe stato un live da ricordare negli annali della musica rock.

Eppure loro, i Rolling Stones, arrivati a Lucca già lo scorso giovedì, sono abituati a dar spettacolo e mentre già oltre 60 mila persone erano accalcati sotto al palco, sono andati a godersi le splendide meraviglie artistiche che il nostro paese offre.

Jeans scuri, camicia e smartphone per scattare le foto, il leader dei Rolling Stones è arrivato a Firenze, in una Galleria dell’Accademia deserta dopo la chiusura serale per una visita speciale: a guidarlo la direttrice dell’Accademia Cecile Hollberg.

Un’ora per ammirare l’affresco di Giotto, il cassone Adimari dello Scheggia e la gipsoteca del Bartolini, qualche minuto per contemplare il David di Michelangelo, poi di corsa a Lucca.

Tra sbuffi di fumo e lampi rosso fuoco, i Rolling Stones hanno osato ancora e, dopo il Circo Massimo a Roma nel 2014, stavolta si sono presi le mura storiche di Lucca, per l’unica data italiana del No Filter Tour, partito da Amburgo il 9 settembre.

Ciao Lucca, ciao Toscana, ciao Italia. Come state tutti? Questa è la prima volta che suoniamo in Toscana“, dice Mick Jagger, entrando in scena per primo in luccicante giacca di lamè dorato e camicia viola, e in un italiano quasi perfetto, dopo aver infiammato la folla con Sympathy for the Devil e It’s Only Rock ‘n’Roll.

E poi tutto un susseguirsi di canzoni intervallate da un Mick Jagger che pronuncia frasi in italiano con cui comunica con i fan. «Oggi mi sento romantico» prima di attaccare (in una versione italiana nella prima parte) “As tears go by”, che diventa “Con le mie lacrime”. “Just your fool” e “Ride em on down” con Jagger all’armonica.

Non mancano neppure i riferimenti politici. Come quello ironico a Theresa May (e alla Brexit): «Ieri ho visitato Firenze e ho incontrato la May su Ponte Vecchio. Ho mangiato un gelato buonissimo»).

Mick Jagger si conferma ancora una volta un animale da palcoscenico. Ormai dirlo suona ripetitivo, ma a 74 anni e dopo una vita di eccessi e trasgressioni è impressionante vedere come ogni suo urlo o movimento trasudi ancora rock’n’roll.

Tra il pubblico, scatenati Emanuele Filiberto, Piero Pelù, la schermitrice paraolimpica Bebe Vio, la segretaria della Cgil Susanna Camusso, l’ex calciatore dell’Inter Javier Zanetti.

Loading...
Potrebbero interessarti

Un posto al sole anticipazioni dal 28 al 1 febbraio 2019

Un posto al sole va in onda dal lunedì al venerdì su…

Claudio Sona difende la redazione di Uomini e Donne

Negli ultimi giorni Claudio Sona e la sua “vicenda” sono stati al…