Salutiamo la nuova stagione col solstizio l’estate

Nonostante in molte regioni del centro sud il tempo non è certo stato dei migliori, con precipitazioni abbondanti e forti venti in stile tipicamente autunnale, è arrivato il solstizio d’estate, ed è quindi iniziata a tutti gli effetti l’estate astronomica.

Come risaputo, il solstizio d’estate è il momento in cui il Sole raggiunge il punto di declinazione massima nel suo moto apparente lungo l’ellittica: in pratica si ha la notte più breve, e di conseguenza il giorno più lungo, dell’anno.

Ai Tropici il Sole è allo Zenit, mentre al Polo Nord non cala mai la notte. Eppure il solstizio d’estate segna anche un altro inizio: da oggi le giornate cominciano piano piano ad accorciarsi, fino a raggiungere le ore minime di luce nel giorno del solstizio d’inverno.

E’ usanza comune, da molti secoli e in molte parti del mondo, festeggiare questa giornata. Per le popolazioni legate al ciclo naturale rappresentava un momento di celebrazione della vita e della crescita in chiara contrapposizione alla “morte” invernale. Ci sono culti solari dal Polo Nord alla Polinesia, passando per Africa, Indonesia e Sudamerica. Ancora oggi sono numerose le celebrazioni sparse per il mondo che in larga parte si rifanno a quelle più antiche: falò per esempio vengono accesi in Ucraina, Austria e Spagna, mentre in Svezia si balla attorno a un palo fiorito, si mangia e soprattutto si beve molto.

Per l’occasione Google si è inventato un simpatico Doodle in movimento con una serie di ghiaccioli coloratissimi, che cominciano a squagliarsi.

Next Post

Wikipedia, l’enciclopedia online diventa carta stampata

La consultiamo ogni giorno e sul web è ormai diventata il simbolo del dizionario, quello che una volta utilizzavamo per scoprire la definizione di un termine, il significato di una parola, in passato si andava a consultare il famoso dizionario, oggi c’è Wikipedia, ma ci sono importanti novità La più […]