San Giuseppe, ecco la storia delle celebri zeppole

Redazione

Oggi si festeggia la festa del Papà ma anche e soprattutto san Giuseppe, che secondo il Nuovo Testamento è lo sposo di Maria e il padre putativo di Gesù, venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa.

Per questa ricorrenza si usa fare un regalo al proprio padre ma si ama anche gustare un dolce veramente prelibato: la celebre zeppola di San Giuseppe.

Come la maggior parte dei dolci più celebri, l’origine è napoletana: la prima ricetta ufficiale si trova, infatti, nel Trattato di Cucina Teorico-Pratico del celebre gastronomo Ippolito Cavalcanti, Duca di Buonvicino, che nel 1837 la scrisse in lingua napoletana.
Gli ingredienti principali sono la farina, lo zucchero, le uova, il burro e l’olio d’oliva, la crema pasticcera, una spolverata di zucchero a velo e le amarene sciroppate per la decorazione.

Ne esistono due varianti, fritte e al forno, ma senza dubbio la più gustosa ed amata, soprattutto dai partenopei, è quella al forno. Ne esistono anche di differenti dimensioni: oggi sono quasi sempre monoporzioni, ma in origine erano molto grandi, per lo spirito conviviale con cui venivano realizzate, per essere divise con parenti e amici.

Next Post

Fiore di loto, ecco il suo significato per i buddisti

Tra i più caratteristici, conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, il fiore di loto è una pianta acquatica in grado di produrre fiori particolarmente vistosi, molto usati anche nelle decorazioni. Si trovano in genere in acque stagnanti ma hanno il potere, quasi magico, di rendere subito più bello e […]