Scienza: 50 per cento di possibilità che viviamo una realtà simulata

Redazione

Lo scienziato-astronomo David Kipping della Columbia University è giunto alla conclusione che la nostra realtà con una probabilità del 50 percento è una simulazione, riferisce Scientific American.

Già nel 2003, il professore dell’Università di Oxford Nick Bostrom ha avanzato un’ipotesi secondo la quale la nostra realtà è una simulazione al computer creata da altre civiltà intelligenti.

Nel documento, ha sostenuto che almeno una delle tre proposizioni deve essere vera:

Le civiltà di solito si estinguono prima di sviluppare la capacità di creare simulazioni di realtà.
Le civiltà avanzate di solito non hanno interesse a creare simulazioni di realtà.
Quasi certamente stiamo vivendo all’interno di una simulazione al computer.

Ora, il professore della Columbia University David Kipping ha esaminato attentamente queste proposizioni, note anche come “trilemma di Bostrom, e ha sostenuto che esiste essenzialmente una probabilità del 50-50 che stiamo davvero vivendo in una simulazione, riferisce Scientific American.

Scienza 50 per cento di possibilita che viviamo una realta simulata
foto@Flickr

Secondo futurism.com , Kipping ha raggruppato le prime due proposizioni in una, sostenendo che entrambe avrebbero prodotto lo stesso risultato: non stiamo vivendo all’interno di una simulazione.

È sufficiente assegnare una probabilità a priori a ciascuno di questi modelli“, ha detto Kipping a SA. “Assumiamo solo il principio di indifferenza, che è il presupposto predefinito quando non si hanno dati o inclinazioni in entrambi i casi.

Kipping sostiene anche che più strati di realtà erano incorporati in una simulazione, come una matrioska russa, più le risorse del computer diminuirebbero.

In altre parole, più vai nella tana del coniglio, meno potenza di calcolo avresti per creare una simulazione convincente.

La conclusione dell’astronomo dopo aver analizzato i numeri: è circa il 50% di possibilità che entrambe le ipotesi siano vere.

Ma se gli umani dovessero mai inventare una simile simulazione, l’immagine cambierebbe radicalmente.

Allora ti resta solo l’ipotesi di simulazione“, ha detto Kipping a SA. “Il giorno in cui inventiamo quella tecnologia, capovolge le probabilità da un po ‘migliori di 50-50 che siamo reali a quasi certamente non siamo reali, secondo questi calcoli.

Altri risultati potrebbero mettere a tacere la domanda. E se potessimo rilevare un “glitch in Matrix” che ha mostrato che la nostra realtà è una simulazione? O se potessimo dimostrare che la simulazione utilizza sovrapposizioni quantistiche che sono determinate solo quando le guardi?

Altri sostengono addirittura che nei prossimi decenni il nostro know-how informatico ci consentirà di confermare finalmente una volta per tutte se viviamo o meno in una simulazione.

Per ora, dobbiamo lottare con il fatto che semplicemente non lo sappiamo.

Next Post

Internet gratis, chiamano la figlia come una compagnia telefonica

Una coppia ha chiamato la loro bambina come un provider di servizi Internet per ottenere il WiFi gratuito per 18 anni. Il neo papà aveva visto un annuncio su Facebook da Swiss start-up Twifi, che offriva la connessione Wi-Fi per 18 anni a tutti coloro che avrebbero chiamato il loro bambino con i nomi dei loro servizi, in questo […]
Internet gratis chiamano la figlia come una compagnia telefonica