Si sta studiando il sistema per la pubblicità nei nostri sogni

Redazione

La tecnologia di incubazione dei sogni TDI è ancora in fase di sviluppo, ma sta già causando preoccupazione tra gli scienziati. Per chiarire la situazione, 40 esperti che studiano vari aspetti del sonno hanno scritto una lettera aperta.

Nella loro dichiarazione, esortano le autorità a prestare attenzione al nuovo sviluppo. Le grandi aziende del business sono interessate a questo, perché hanno intenzione di integrare la pubblicità dei suoi prodotti nei sogni, come riporta Science Magazine.

Si sta studiando il sistema per la pubblicita nei nostri sogni

Il controllo del pensiero umano attraverso l’incubazione oggettiva dei sogni è già reale.

TDI sarà in grado di incorporare qualsiasi informazione nei pensieri e nei sogni di una persona. Questi dati influenzeranno a lungo il comportamento dello stile di vita. In termini di effetto, questo sviluppo può essere paragonato all’ipnosi profonda.

I colossi si sono subito resi conto che in questo modo potevano pubblicizzare i propri prodotti. Una persona va a letto, vede in sogno una pubblicità che si stampa profondamente nel subconscio e si sveglia al mattino con il desiderio di acquistare questo o quel prodotto.

Una tecnologia simile è stata utilizzata come esperimento prima del Super Bowl americano. La Molson Coors Brewing Corporation ha riunito un gruppo di volontari, ha dato loro sonniferi ogni giorno e ha permesso loro di guardare i video della loro birra prima di andare a letto.

Quindi le persone sono state svegliate, hanno chiesto cosa avessero visto nei loro sogni e hanno detto che si sentivano come dissetati bevendo birra.

Il controllo del subconscio umano e dei TDI può infatti diventare una seria minaccia per l’intera umanità. Pertanto, abbiamo urgente bisogno di assumere il controllo di questi sviluppi, affermano gli scienziati.

Next Post

Il coronavirus era presente negli Stati Uniti dal 2019

Il coronavirus, responsabile della attuale pandemia di Covid-19, era presente negli Stati Uniti almeno da dicembre 2019, settimane prima del primo caso confermato nel gennaio 2020, secondo un nuovo studio venuto alla luce in questi giorni. Il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti ha analizzato 24.000 campioni di […]
Il coronavirus era presente negli Stati Uniti dal 2019