Stati Uniti pensavano ad una bomba atomica sulla luna

Redazione

Secondo dozzine di documenti ottenuti dal governo degli Stati Uniti, l’ormai defunto Advanced Aerospace Threat Identification Program (AATIP) ha speso milioni di dollari nella ricerca di tecnologie sperimentali insolite, come mantelli dell’invisibilità, dispositivi antigravitazionali, wormhole attraversabili e anche una bomba nucleare sulla luna.

I documenti, che includono quasi 1.600 pagine di rapporti, proposte, contratti e note di riunione, rivelano alcune delle priorità più strane dell’AATIP, il programma segreto del Dipartimento della Difesa. 

Il programma ha funzionato dal 2007 al 2012, ma è diventato noto al pubblico solo nel 2017, quando l’ex direttore del programma ha rassegnato le dimissioni dal Dipartimento della Difesa.

Quell’anno, AATIP divenne sinonimo di UFO, grazie a diversi video famigerati di un aereo non identificato che si muoveva in modi apparentemente impossibili che l’ex regista Luis Elizondo fece trapelare alla stampa dopo le sue dimissioni.

Stati Uniti pensavano ad una bomba atomica sulla luna

Tuttavia, nuovi documenti suggeriscono che l’AATIP non stava solo indagando sui rapporti di avvistamenti UFO, ma c’erano altre aree ugualmente interessanti

L’archivio, composto da 51 documenti, è stato ottenuto ai sensi del Freedom of Information Act.

Forse il più intrigante tra i documenti classificati sono le diverse dozzine di documenti di riferimento dell’intelligence della difesa (DIRDS) che discutono della fattibilità di varie “tecnologie avanzate”, come riporta Esoreiter.ru.

La raccolta include rapporti su “wormhole attraversabili, stargate ed energia negativa“, “comunicazione con onde gravitazionali ad alta frequenza“, “trasmissione di curvatura, energia oscura e manipolazione extradimensionale” e molti altri argomenti familiari agli appassionati di fantascienza.

Molti dei rapporti sottolineano l’impraticabilità dell’implementazione di tecnologie avanzate. Ad esempio, nel rapporto DIRD sull’occultamento dell’invisibilità, gli autori (i cui nomi sono stati oscurati in tutti i rapporti) scrivono che “i dispositivi di occultamento perfetti sono impossibili perché richiedono materiali in cui la velocità della luce si avvicina all’infinito“.

Tuttavia, i dispositivi di occultamento che rendono gli oggetti invisibili ai sensori a microonde come radar e rilevatori di movimento sono “sicuramente alla portata della tecnologia attuale“, scrivono gli autori del rapporto.

Altri rapporti non evitano proposte audaci, a volte bizzarre, di tecnologia all’avanguardia. In un rapporto sul “movimento di massa negativo“, gli autori propongono un piano per la ricerca di metalli estremamente leggeri al centro della luna, che potrebbero essere “100.000 volte più leggeri dell’acciaio, ma avere ancora la forza dell’acciaio“.

Per raggiungere il centro della Luna, gli autori hanno proposto di far esplodere un tunnel attraverso la crosta lunare e il mantello usando esplosivi termonucleari.

Le imminenti missioni Artemis della NASA prevedono di riportare gli esseri umani sulla Luna per la prima volta dall’era Apollo, con l’obiettivo di una presenza umana permanente.

Bombardare la luna con bombe nucleari sarebbe probabilmente incoerente con questa missione.

Non è noto se questi documenti consentissero investimenti a lungo termine in tecnologie avanzate. Secondo Vice, gran parte dell’agenda AATIP si basava sulla ricerca a contratto della società privata Bigelow Aerospace Advanced Space Studies (BAASS).

Next Post

Cibi da evitare dopo la sbiancamento dei denti

Tutti noi siamo nati con denti puliti; i nostri denti dovrebbero essere bianchi come la neve, rendendo così i nostri sorrisi anche più belli. Ma sfortunatamente a causa di molti fattori che contribuiscono, non riusciamo a mantenere il bianco dei nostri denti e anche il nostro sorriso bianco come la […]
Cibi da evitare dopo la sbiancamento dei denti