Studiosi definiscono i gatti: Specie aliena invasiva

Redazione

I gatti domestici sono stati classificati come “specie aliena invasiva” da un istituto di ricerca scientifica polacco.

Studiosi definiscono i gatti Specie aliena invasiva
foto@depositphotos.com

L’Accademia polacca delle scienze ha definito il gatto domestico (Felis catus) “alieno” poiché è stato addomesticato in Medio Oriente e ha dichiarato i gatti “invasivi” a causa dell ‘”impatto negativo dei gatti domestici sulla biodiversità nativa“, secondo la dichiarazione del gruppo di studio.

L’Accademia ha una lunga lista di animali che considerano una “specie aliena invasiva“, tra cui procioni, falene e anatre.

Secondo uno studio, i gatti in Polonia uccidono e mangiano 48,1 e 583,4 milioni di mammiferi e 8,9 e 135,7 milioni di uccelli all’anno.

I proprietari di gatti e gli amanti dei gatti hanno espresso indignazione per la classificazione, temendo che possa alimentare abusi o maltrattamenti nei confronti dei gatti domestici.

L’agenzia AP riferisce che alcuni resoconti dei media hanno dato l’illusione che l’Istituto stesse raccomandando l’eutanasia dei gatti selvatici e di altri gatti.

Le persone sulla pagina Facebook dell’Accademia dicono che la classificazione della scuola è “semplicemente stupida e dannosa“.

Wojciech Solarz, un biologo dell’Accademia statale delle scienze polacca, ha detto che non si aspettava una simile risposta all’aggiunta di F. Catus al database, aggiungendo che nessun’altra voce ha innescato una reazione così emotiva.

Durante la stagione riproduttiva degli uccelli, l’Accademia consiglia ai proprietari di gatti di ridurre al minimo il tempo all’aperto dei loro animali domestici.

L’Accademia delle scienze ha affermato in un post su Facebook all’inizio di questo mese di “opporsi a qualsiasi crudeltà sugli animali“. Ha spiegato che definire il gatto domestico come una specie aliena invasiva non giustifica alcun danno per loro, né giustifica l’abbandono dei gatti.

Fonte@Business Insider.

Next Post

Viveva con una pallottola in testa ma non lo sapeva

Negli Stati Uniti, una donna ha avuto per una settimana una pallottola in testa e non se ne è accorta. La sua storia è raccontata dal New York Post. Il 29 giugno, a Mary Voltz, 58 anni, di Saginaw, nel Michigan, è stato diagnosticato il COVID-19. Due giorni dopo, è […]
Viveva con una pallottola in testa ma non lo sapeva