Trump non vuole più twittare anche se sbloccato

Redazione

Si è parlato molto del blocco dell’account ufficiale dell’ex presidente Donald Trump e del successivo sblocco da parte di Elon Musk.

foto@Pixabay

Quasi due terzi della forza lavoro del social network Twitter è stata licenziata successivamente al subentrato nuovo CEO, Elon Musk.

Da quando Elon Musk ha assunto la carica di CEO di Twitter, la forza lavoro è passata da 7.500 dipendenti a circa 2.700 in tre settimane.

Secondo le informazioni fornite da The Verge, Elon Musk ha dichiarato durante una nuova riunione del personale presso l’azienda che ora è finita con i licenziamenti e che Twitter assumerà invece nella programmazione e nelle vendite.

Gli utenti del social hanno twittato, dopo un post di Elon Musk, e lo stesso CEO ha sottolineato che il 51,8% dei 15 milioni di utenti di Twitter ha votato per rimuovere la sospensione di Donald Trump su Twitter.

Tuttavia, lo stesso Donald Trump ha affermato di non vedere alcun motivo per tornare sulla piattaforma da cui era stato sospeso in relazione all’assalto al Campidoglio nel gennaio 2021.

La riluttanza a tornare non è del tutto improbabile perché sta invece cercando di convincere gli utenti a unirsi alla sua piattaforma di social media Truth Social.

Nel frattempo, l’ex presidente dovrebbe essere consapevole della cassa di risonanza di Twitter per lui, e ha chiesto personalmente ai suoi follower su Truth Social di votare per il suo ritorno sulla piattaforma, quindi resta da vedere come gestirà questa seconda opportunità.

Next Post

Bevo perchè mi rilassa, le scuse più banali

Mi rilassa molto, mi aiuta a dormire meglio ed è salutare, queste le scuse spesso utilizzate per giustificare qualche bevuta di troppo. Si sentono spesso motivi, o più che altro scuse, per cui l’alcol è necessario. Perché l’alcol ti rilassa. Ed è vero. L’alcol ha un effetto (leggermente) narcotico e […]
Bevo perche mi rilassa le scuse piu banali